Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, arrestato spera nei domiciliari e finge di avere una forte tosse per non finire in carcere

Il fatto è avvenuto in Alto Adige. Ad essere portato in carcere un 42enne su cui pendeva un ordine di carcerazione emesso a febbraio per i reati di falso e truffa commessi nel 2015

Pubblicato il - 21 marzo 2020 - 15:38

BOLZANO. Prova ad evitare il carcere fingendo una forte tosse con l'auspicio di finire agli arresti domiciliari. Un tentativo, però, andato a vuoto.

 

La vicenda ha riguardato un uomo già gravato da un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Bolzano che è incappato nei controlli a tutto campo sull’applicazione dei divieti volti a prevenire la diffusione del coronavirus.

 

L’arrestato, un quarantanovenne marocchino già noto per i suoi precedenti e già sottoposto a misura di prevenzione personale nel 2008, è incappato in un controllo stradale e dalle verifiche sull’identità i militari dell’Arma di Parcines hanno scoperto che vi era a suo carico un ordine di carcerazione emesso a febbraio per i reati di falso e truffa commessi nel 2015.

 

Ai tempi i carabinieri di Parcines lo avevano denunciato, insieme a un soggetto del luogo, per aver raggirato un connazionale affittandogli un appartamento attraverso una falsa autocertificazione, riuscendo così a sottrargli la somma di trecentocinquanta euro.

 

La giustizia ha fatto il proprio corso ed era arrivata una condanna a otto mesi di reclusione e 150 euro di multa. L’uomo, quando ha capito di essere arrivato al capolinea, ha dichiarato di avere una forte tosse, forse pensando d’intimorire i militari e di finire così ai domiciliari. I carabinieri lo hanno quindi portato all’ospedale di Silandro dove i medici, visitato accuratamente, hanno certificato che poteva accedere al carcere. Ed è così che l’arrestato è stato infine associato alla casa circondariale di Bolzano per l’esecuzione della pena.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 gennaio - 21:48
L'allarme è stato lanciato attorno alle 20 e sul posto si sono recati  molti corpi dei vigili del fuoco della zona. Ancora sconosciuta la [...]
Cronaca
22 gennaio - 19:04
Daniela combatteva fin da bambina con una rara malattia neuromotoria e da qualche anno era costretta sulla sedia a rotelle: non ha però mai perso [...]
Cronaca
22 gennaio - 17:33
Il dramma è avvenuto nel primo pomeriggio lungo un sentiero verso Malga Lodranega in Val Breguzzo ma, al contrario di quanto diffuso dagli altri [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato