Contenuto sponsorizzato

Coronavirus e sanzioni, in 7 per un pic-nic al parco, i carabinieri: “Ormai è un impegno quotidiano contro gli irresponsabili”

Nonostante i divieti c’è ancora chi esce dalla propria abitazione senza un motivo adeguato: dalle 7 persone che si sono date appuntamento per un pic-nic al parco, alla donna arrivata fino a Trento per comprare vestiti e scarpe

Pubblicato il - 21 marzo 2020 - 09:23

TRENTO. Sono ormai 10 giorni che le forze dell’ordine sono impegnate nei capillari controlli su persone e veicoli che si spostano per verificare il rispetto dei decreti, sotto osservazione anche i vari esercizi commerciali per accertare che tutti seguano le misure adottate, anche se sembra che non tutti abbiano ancora capito la serietà della situazione.

 

È il caso del gestore di un bar di Castello di Fiemme che alle 3 di notte è stato sorpreso nel suo locale e per questo denunciato. “Le persone continuano a camminare sotto braccio e non perché anziani incerti nel procedere” evidenziano i carabinieri e questo ovviamente non va bene.

 

Però c’è persino chi fa peggio come i 7 individui che sono stati scoperti mentre erano impegnati in un vero e proprio pic-nic all’interno di un parco a Mezzolombardo. Questo nonostante lo stesso parco fosse stato chiuso con un’ordinanza del sindaco. “Tre di questi – fanno notare i militari – ce ne erano alcuni provenienti addirittura da Roverè della Luna e privi dell’autodichiarazione che ne legittimasse lo spostamento”.

 

Dopodiché una donna è stata trovata a 19 chilometri dalla sua abitazione mentre stava facendo una passeggiata, anche lei è stata denunciata. Una donna di arco, invece, è stata rintracciata a Trento: era arrivata nel capoluogo per acquistare scarpe e vestiti.

 

Infine un ragazzo di Martignano che non aveva saputo giustificare la sua presenza in via Della Prepositura, è stato denunciato anche per il possesso di hashish. “Stare a casa – avvertono i carabinieri – è molto più del semplice e riduttivo ‘non scendere per strada’, questa volta lo stare in casa è l’unica via per ridurre o meglio contenere le perdite”.

 

L’invito dunque è quello di rimanere nei propri comuni di residenza, a tal proposito si ricorda che per chi dovesse infrangere l’articolo 650 del codice penale, ovvero “Inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità” che punisce chiunque non si attenga a un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia, sicurezza pubblica, ordine pubblico o d’igiene, la pena prevede l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a 206 euro, salvo che il fatto costituisca più grave reato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 19:34

Nella serata di ieri il Gattogordo di Trento è stato teatro di una discussione animata tra il proprietario Villotti e un gruppo di carabinieri, poliziotti e finanzieri. Secondo questi ultimi, dalle 20 il ristorante non può servire ai tavoli solamente bevande. L’oggetto del dibattito è la parola “attività” di ristorazione, che ha generato non poca confusione

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato