Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, genitori in piazza contro la mascherina a scuola. "Non chiamateci no-mask. Chiediamo solo di non asfissiare i nostri figli sui banchi"

Il “Comitato spontaneo Genitori per una Scuola Reale” ha organizzato nel pomeriggio di sabato 14 novembre una manifestazione per chiedere che i bambini non siano costretti a indossare la mascherina quando sono seduti al banco. "Non chiamateci no-mask"

Di Marianna Malpaga - 14 November 2020 - 18:21

TRENTO. “Non chiamateci no-mask” è un punto che i manifestanti in Piazza Dante ribadiscono più volte. Radunati dal Comitato spontaneo "Genitori per una scuola reale", ci tengono a ripetere che non hanno nulla a che fare con chi nega l'utilità della mascherina. Sono genitori e insegnanti che semplicemente chiedono una cosa: non costringere i più piccoli a tenere il dispositivo di sicurezza sul volto una volta seduti al banco.

 

Non esiste un movimento no-mask - sostiene una di loro - l’hanno inventato i giornali. Chi deve portare la mascherina al supermercato la porta, chi deve metterla al lavoro pure. Stiamo solamente chiedendo di non asfissiare i bambini a scuola”.

La richiesta dei manifestanti è dunque diversa: i figli che fanno scuola in presenza non dovrebbero indossare le mascherine in situazioni “statiche”, cioè quando sono seduti al banco. La ragione? La spiega la stessa manifestante, che prosegue: “I bambini non respirano stando otto ore con la mascherina e non è che lo pensiamo solo noi. Lo dicono gli scienziati. È chiaro. L’ha detto anche l’Oms che la mascherina non serve per proteggere dal virus. I bambini non stanno portando il virus in giro. A scuola ci sono pochi contagi e i più piccoli devono poter respirare perché stanno crescendo”.

 

È da una settimana che mia figlia torna a casa da scuola con il mal di testa - lamenta un’altra manifestante, dimostrando poi una paura che aleggia tra tutti i manifestanti: essere bollati come "no-mask" - ciò vuol dire che la mascherina tanto bene non fa. Non chiamateci no-mask, perché la mascherina la indossiamo”. E in effetti quasi tutti i manifestanti di Piazza Dante la indossano, perfino "doppia". Oltre a quella chirurgica, infatti, ne hanno un’altra, ma non per proteggersi dal virus. Il “Comitato spontaneo Genitori per una Scuola Reale” ha invitato i partecipanti a indossare mascherine teatrali e di Carnevale, per sottolineare che non sono contrari alle mascherine in sé, ma all’uso prolungato dei dispositivi di sicurezza per i loro bambini.

Non esistono due gruppi, noi della Scuola Reale e i no-mask - precisa Claudia Cattani, tra gli organizzatori della manifestazione - ci siamo solo noi, che non chiediamo di togliere le mascherine. Vogliamo solamente che i bambini (non gli adulti) non siano costretti a portarla anche al banco”. Alla domanda se i bambini si lamentino delle mascherine, Cattani risponde: “Il bambino fa quello che gli viene detto. Tuttavia, molti tornano a casa con il mal di testa. Anche i miei figli, che prima non dicevano niente, tornano a casa dicendomi che fanno fatica. Fanno anche ginnastica con la mascherina. Avete mai provato, voi, a correre con la mascherina?”.

 

Presenti alla manifestazione anche alcuni insegnanti. “Facciamo scuola o facciamo rispettare le regole? - chiede una maestra prendendo in mano l’altoparlante - dobbiamo scegliere: o l’una o l’altra cosa”. Andrea Brocchieri, professore al Liceo Prati e membro del Gruppo Diritti in una Scuola Reale, ha letto una riflessione scritta di suo pugno. “Il rischio zero – ha spiegato – per noi non esiste. Ora stiamo vivendo una situazione paradossale. Da un lato chiediamo a governanti e scienza di condurci ad un rischio zero che non è mai esistito. Dall’altro lato ci accontentiamo di un ‘diritto’ che non ha nulla di umano e che ci farebbe assomigliare al virus: il mero diritto alla sopravvivenza, l’habeas corpus”.

Anche il garante dei diritti dei minori della Provincia di Trento, Fabio Biasi, ha mandato una lettera di sostegno alla manifestazione che è stata letta in Piazza Dante. Biasi ha manifestato “profonda e crescente preoccupazione” per la misura che “prevede l’obbligo di indossare le mascherine da parte di alunni e studenti nelle scuole, anche in posizione statica”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

21 January - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 January - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato