Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, i medici si “auto-arruolano” per aiutare la Centrale Covid: lanciata “l’operazione ascolto”

Il presidente dell’ordine dei medici ribadisce l’importanza della comunicazione e lancia l’operazione ascolto per offrire assistenza telefonica ai malati di Covid e alle persone in quarantena: “Dobbiamo rafforzare la centrale Covid, siamo a disposizione per collaborare. Lo spirito di solidarietà che contraddistingue da sempre la nostra professione sarà presente in anche in questa occasione”

Di Tiziano Grottolo - 18 novembre 2020 - 14:55

TRENTO. Il medico in ogni situazione di calamità deve porsi a disposizione dell’Autorità competente”, recita così l’articolo 9 del codice deontologico dei medici ed è proprio su questa regola che il presidente dell’ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri della provincia di Trento Marco Ioppi fa leva per esortare i colleghi a mettersi a disposizione dell’Azienda sanitaria.

 

Quella lanciata da Ioppi è una vera e propria “operazione ascolto” per offrire una opportunità di assistenza telefonica a quanti, contagiati o con soli sintomi, abbiano necessità di avere un parere e/o un consiglio medico immediato. Nell’ultima lettera che il consiglio dell’ordine dei medici ha inviato all’attenzione del presidente della Giunta provinciale Fugatti e dell’assessora alla salute Segnana, fra le altre raccomandazioni, si è posto l’accento sull’importanza che la comunicazione ricopre in un momento come questo.

 

“Crediamo – recita un passaggio ella stessa lettera – che la funzione della comunicazione abbia un ruolo molto importante, in una fase di grande entropia delle informazioni, le quali vengono somministrate ad ogni livello, politico e scientifico, generando grande confusione e senso di smarrimento. Ribadiamo in questo caso l’importanza di rafforzare la centrale Covid, con il concorso, se occorre, di personale medico ed infermieristico o esperto su base volontaria, per poter offrire alla popolazione una comunicazione corretta e risposte tempestive”.

 

È con questo spirito quindi che Ioppi vuole raccogliere la richiesta d’aiuto che arriva dalla Pat, sollecitando gli iscritti all’ordine a mettersi a disposizione per collaborare con la Centrale Covid dell’Apss nell’ascolto e nell’assistenza telefonica delle persone contagiate, in quarantena o in isolamento volontario. I medici interessati possono fornire il proprio nominativo all’indirizzo: info@ordnemedicitn.org sono certo che lo spirito di solidarietà che contraddistingue da sempre la nostra professione sarà presente in anche in questa occasione”, conclude Ioppi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato