Contenuto sponsorizzato

"Medici e infermieri aiutateci in questo grande sforzo". L'Alto Adige cerca personale per lo screening di massa

La Croce rossa e la Croce bianca hanno scritto un accorato appello rivolto ai professionisti del settore medico non afferenti all'Azienda sanitaria altoatesina. L'invito è di partecipare alle operazioni di screening di massa nei 184 punti Covid della provincia nelle giornate di venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 novembre

Pubblicato il - 14 November 2020 - 10:41

BOLZANO. AAA cercasi medici e infermieri/e. Nel giorno dell’entrata in vigore della nuova ordinanza con cui la Provincia di Bolzano ha approfondito le misure restrittive sul territorio altoatesino, la macchina organizzativa in vista del grande screening di massa previsto per le giornate di venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 novembre si sta mettendo in moto.

 

Dopo l’appello da parte dei vertici provinciali a partecipare (“E’ un atto di responsabilità verso la società”, ha dichiarato il presidente della Provincia Arno Kompatscher), tocca alla Croce bianca e alla Croce rossa lanciare un altro invito, diretto questa volta a tutti i professionisti del mondo medico e sanitario, affinché i 184 punti di screening sparsi sul territorio abbiano abbastanza personale per poter condurre l’enorme sforzo predisposto dalle autorità politiche e sanitarie della Provincia. L’obiettivo? Uscire il prima possibile dalla fase più drammatica dell’emergenza Coronavirus.

 

Uno scopo che, come ripetuto dalla giunta, intravede l’unica soluzione proprio in questo screening di massa, volto ad abbattere la carica virale in giro per l’Alto Adige e ad isolare le persone che non hanno ancora manifestato i sintomi e che per questo rappresentano il maggior rischio di diffusione dell’infezione.

 


 

Cari medici, care/i infermiere/i, stiamo arrivando ad un punto in cui dobbiamo unire le nostre forze per affrontare la crisi del Coronavirus – hanno scritto nel loro accorato appello Croce rossa e Croce bianca – noi cerchiamo di sostenere con tutte le nostre risorse il progetto per lo screening di massa in Alto Adige. L’azione si svolgerà da venerdì 20 novembre a domenica 22 novembre. Saranno allestite circa 184 stazioni di screening in tutta la provincia. Ci rivolgiamo a tutti i medici e a tutti gli infermieri in Italia e all’estero che non hanno un contratto di lavoro con l’Azienda sanitaria dell’Alto Adige. se è in qualche modo possibile, vi preghiamo di partecipare a questa campagna e di mettervi in contatto con noi!

 

“Le ore lavorative verranno retribuite con un importo pari a 65 euro lordi all’ora con detrazione dell’imposta a monte – hanno concluso – si può lavorare per uno, due o tre giorni. Grazie per la vostra collaborazione”.

 

L’iscrizione è possibile a questo link (QUI il link).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato