Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, solidarietà tra Trentino, Alto Adige e Tirolo: a disposizione reciproca i posti in terapia intensiva in caso di necessità

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Pubblicato il - 31 ottobre 2020 - 10:26

BOLZANO. La crescita dei nuovi contagi da Covid-19 in Tirolo, Alto Adige e Trentino e le azioni previste in ambito Euregio, improntate alla solidarietà per cercare di contenere la seconda ondata della pandemia.

 

Questo il tema al centro del colloquio, svoltosi in video-conferenza, avvenuto oggi pomeriggio (30 ottobre) fra i tre presidenti Günther Platter, Arno Kompatscher e Maurizio Fugatti. In Tirolo attualmente sono  3.646 le persone contagiate, anche in Alto Adige nelle ultime settimane il numero è cresciuto notevolmente e ora sono 4.561 i contagiati attivi.

 

In Trentino la situazione è relativamente migliore, anche se si registrano forti aumenti negli ultimi dieci giorni e un totale di 1.621 contagiati. Per quanto riguarda la situazione dei ricoveri ospedalieri, attualmente sono 169 le persone ricoverate in Tirolo, di cui 28 in terapia intensiva. L’Alto Adige fa registrare 233 pazienti ricoverati negli ospedali e nelle cliniche private, di cui 18 in terapia intensiva, mentre dall’ultimo aggiornamento del 29 ottobre, in Trentino sono 118 i ricoverati, di cui 9 in terapia intensiva.

 

"La situazione sanitaria è pressochè uguale in tutti tre i territori - ha spiegato Arno Kompatscher - e soprattutto in questo momento si capisce quanto sia importante la collaborazione e lo scambio continuo fra le tre regioni. Oggi abbiamo convenuto che in caso di necessità e di esaurimento dei posti di terapia intensiva in uno dei tre territori, gli altri due metteranno a disposizione le capacità ancora disponibili".

 

"Siamo tutti alle prese con la stessa grande sfida - ha aggiunto Günther Platter - e sono i pesanti numeri dei ricoveri quelli che destano maggiori preoccupazioni: già nella scorsa primavera, infatti, abbiamo visto come questa evoluzione può portare velocemente ai limiti della capacità sanitaria. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari".

 

Il governatore trentino, Maurizio Fugatti, infine, ha precisato che "nella prospettiva di un peggioramento della situazione, la pesante esperienza della primavera scorsa ci serve ora per organizzare al meglio le strutture ospedaliere. Le prossime festività di Ognissanti sono da tenere particolarmente sotto controllo per evitare che siano soprattutto gli anziani ad essere contagiati".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato