Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige via libera ai test obbligatori per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta e Spagna

Al momento dell'ingresso sul territorio italiano e dopo un soggiorno in Croazia, Grecia, Malta e Spagna, nei 14 giorni precedenti, vi è l'obbligo di presentare un test eseguito non oltre le 72 ore antecedenti all’ingresso

Pubblicato il - 13 August 2020 - 18:47

BOLZANO. Test obbligatori per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. E' stata recepita anche in Alto Adige la nuova ordinanza firmata ieri sera dal ministro della Salute, Roberto Speranza (Qui l'articolo). Chiunque, nei 14 giorni precedenti a questa data, abbia soggiornato in Croazia, Grecia, Malta e Spagna deve dimostrare un risultato negativo al tampone per il coronavirus o eseguire un test immediatamente dopo l'ingresso in territorio italiano.

 

La stretta nei controlli è avvenuta per il crescente numero di pazienti positivi al coronavirus dai quattro Paesi. Ecco allora che al momento dell'ingresso sul territorio italiano e dopo un soggiorno in Croazia, Grecia, Malta e Spagna, nei 14 giorni precedenti, vi è l'obbligo di presentare un test molecolare o antigenico negativo eseguito mediante tampone non oltre le 72 ore antecedenti all’ingresso. Il test può essere effettuato anche direttamente in aeroporto, porto marittimo o luogo di confine.
 

Il test obbligatorio, spiega l'azienda sanitaria dell'Alto Adige, può essere eseguito presso un erogatore privato o presso la stessa azienda. In ogni caso, il viaggiatore deve presentarsi entro 48 ore al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria territorialmente competente. In Alto Adige è possibile scrivere all'indirizzo e-mail coronavirus@sabes.it o chiamare il numero di telefono 0471 435 700 tutti i giorni dalle 8 alle 20. Oltre al nome, alla data di nascita, al numero di telefono e alla data d'ingresso deve essere indicato anche il paese di provenienza.

 

In attesa del tampone, le persone devono sottoporsi ad isolamento nelle proprie case o dimore. Anche in assenza di sintomi, immediatamente dopo l’ingresso in territorio italiano, è obbligatorio contattare il Dipartimento di Prevenzione competente

Inoltre, lo Stato della Colombia è stato aggiunto ai paesi per i quali sono vietati sia l'ingresso che il transito con effetto immediato.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 aprile - 16:50
Sono stati analizzati 2.123 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 28 casi tra over 60 e 11 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare, ci [...]
Cronaca
20 aprile - 18:05
Dopo gli 8 casi di trombosi cerebrali rilevati negli Stati Uniti (su oltre 7 milioni di persone immunizzate) che hanno portato la Fda a [...]
Cronaca
20 aprile - 17:33
Seconde le prime ricostruzioni si tratterebbe dell'autista di uno scuolabus che sarebbe rimasto schiacciato dal suo mezzo. Sul posto i vigili [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato