Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, nuova ordinanza della Pat: "Obbligo di tampone e quarantena per chi rientra da Grecia, Croazia, Malta e Spagna"

Firmata, oggi, dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti la nuova ordinanza con le misure per chi rientra da Paesi considerati particolarmente a rischio

Pubblicato il - 13 agosto 2020 - 20:25

TRENTO. Anche in Provincia di Trento scattano nuove misure per chi rientra da Paesi considerati particolarmente a rischio: Croazia, Grecia, Malta e Spagna. 

 

E' stata, infatti, firmata proprio oggi dal presidente Maurizio Fugatti una nuova ordinanza, che fa seguito a quella del Ministro della Salute Speranza, che impone alle persone di rientro dai Paesi più a rischio misure severe per evitare che nascano nuovi focolai "importati". Chi, quindi, rientrerà da Croazia, Grecia, Malta o Spagna dovrà, innanzitutto, sottoporsi a tampone all'arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine, o all'Azienda provinciale per i servizi sanitari entro 48 ore dal rientro. In attesa del risultato del test dovrà rimanere in isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora.

 

In alternativa, dovrà presentare al momento dell’imbarco per il rientro in Italia, e a chiunque sia deputato ad effettuare il controllo, l’attestazione che dimostri l’effettuazione del test – risultato negativo - nelle 72 ore precedenti all’ingresso nel territorio nazionale.

 

Chiunque rientri dai Paesi in questione è comunque obbligato a comunicare immediatamente l’avvenuto rientro in Italia al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria. Per effettuare il tampone in Trentino è necessario compilare il form online (QUI). L'Azienda sanitaria contatterà la persona per fornire giorno, ora e luogo per effettuare il tampone.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato