Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, ordinanza di Fugatti: ''Mascherina anche all'aperto nei luoghi a rischio assembramento e misure prorogate almeno fino al 7 ottobre''

Il presidente della Provincia ha emanato l'atto dopo l'adozione nella serata di ieri del nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri. La Pat comunica anche che ''rifugi e bivacchi in quota restano aperti a tutti coloro che lo richiedono''

Di L.P. - 08 September 2020 - 20:33

TRENTO. Mascherine da indossare anche all'aperto nei luoghi a rischio assembramento e nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, distanziamento sociale e ''rifugi e bivacchi in quota aperti a tutti coloro che lo richiedono''. Firmata poco fa un'ordinanza dal presidente Fugatti che rinnova fino al 7 ottobre la validità delle misure anti-contagio già previste in Trentino.

 

L'atto del presidente del Trentino arriva dopo l'adozione nella serata di ieri del nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri. Tra le altre cose, il dispositivo si allinea alla nuova misura nazionale relativa alle persone che arrivano in Italia da Croazia, Grecia, Malta e Spagna: da oggi non sarà più necessario sottoporsi al tampone per quanti transitano nel nostro Paese oppure vi permangono per meno di 120 ore.

 

Il presidente ha osservato come l’attuale situazione epidemiologica renda necessario mantenere misure di prevenzione del contagio, prorogando l’efficacia delle disposizioni assunte con le  ordinanze pubblicate a partire da metà luglio. In Trentino rimane dunque l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e in tutte le occasioni in cui non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro anche all'aperto ed in particolare nella fascia oraria compresa tra le 18 e le 6.

 

In particolare nel testo si legge: ''Utilizzo della mascherina (quale obbligo in generale di usare protezioni delle vie respiratorie tramite mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro)”, al “Distanziamento interpersonale” e all’ “Individuazione dei documenti/protocolli/linee guida di carattere organizzativo e sanitario per l’esercizio delle attività economiche, produttive, ricreative e sociali da rispettare a partire dalla data del 15 luglio 2020”

 

Rimangono in vigore anche documenti, protocolli e linee guida di carattere organizzativo e sanitario per l’esercizio delle attività economiche, produttive, ricreative e sociali. Con l'ordinanza di oggi viene rinnovata infine la chiusura delle discoteche e il divieto del ballo anche in bar e ristoranti che fanno musica dal vivo.

 

 

 
 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 April - 20:14
Trovati 88 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 159 guarigioni. Sono 1.413 i casi attivi sul territorio provinciale
Cronaca
17 April - 20:51
L'allerta è scattata a Piazzo di Villa Lagarina. In azione ambulanze, vigili del fuoco di zona e carabinieri. I giovani trasferiti in ospedale per [...]
Montagna
17 April - 20:17
Il tema è quello della realizzazione di una strada/sentiero anche per i disabili in Val di Mello in provincia di Sondrio ma vale per qualsiasi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato