Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la mamma è positiva con febbre alta ma il bimbo nasce sano con un difficile parto cesareo all'ospedale di Bolzano

La bella notizia è arrivata ieri e la racconta il primario di ginecologia e ostetricia, Martin Steinkasserer che spiega che “la situazione era difficile. La donna, una paziente a rischio già nota, era stata ricoverata d’urgenza con la febbre alta e sottoposta automaticamente a tampone, come tutte le gestanti con questa sintomatologia''

Di L.P. - 15 marzo 2020 - 18:57

BOLZANO. E' nato sano, nonostante la mamma sia risultata positiva al Covid-19. Tra le tante notizie negative e quelle, fortunatamente, altrettanto numerose, delle iniziative di solidarietà, sostegno reciproco e aiuto tra concittadini, eccone una veramente positiva. Una giovane mamma ieri 14 marzo all’Ospedale di Bolzano, con un parto cesareo urgente e difficile, ha dato alla luce un bimbo sano, un maschietto nato prematuro nella 36esima settimana di gestazione.

 

Benché si sia ammalata, la madre sta bene per le circostanze anche se dovrà restare ancora isolata per qualche tempo, e il bimbo, che è risultato non affetto da Covid-19, si trova nel reparto di neonatologia. L’esito parto è dovuto all’intervento sinergico di medici e levatrici che hanno operato in una situazione complessa. Il primario di ginecologia e ostetricia, Martin Steinkasserer spiega che “la situazione era difficile. La donna, una paziente a rischio già nota, era stata ricoverata d’urgenza con la febbre alta e sottoposta automaticamente a tampone, come tutte le gestanti con questa sintomatologia''.

 

A quel punto l’èquipe medica ha deciso di porre la donna in isolamento, pur senza conoscere l’esito del tampone. La paziente in pratica è stata ritenuta potenzialmente infetta, fatto che poi si è rivelato fondato.

 

''Nel corso della notte le facoltà respiratorie della giovane si erano aggravate, tanto da decidere di praticarle il taglio cesareo urgente e complesso, che è stato eseguito con grandi precauzioni di sicurezza - spiega il primario Steinkasserer -. È stata straordinaria la prestazione dell’intero team. Sono orgoglioso dell’ottima collaborazione. Ostetriche, medici dei reparti di medicina intensiva, pneumologia, delle malattie infettive e neonatologia, ma anche i collaboratori del Laboratorio di microbiologia e virologia, senza tentennare hanno operato egregio per la riuscita di questo parto cesareo critico e della successiva assistenza di mamma e bimbo, il tutto in piena notte, senza guardare all’orologio''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 24 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 gennaio - 05:01
Una donna, della val di Fiemme, racconta in un audio dello stratagemma messo in pratica per ottenere il Green pass: “Mi sono messa nel naso il [...]
Cronaca
24 gennaio - 20:11
L'incontro si è svolto oggi, dopo che nelle scorse settimane la tematica è stata affrontata in diverse occasioni: l'Amministrazione ha confermato [...]
Cronaca
24 gennaio - 21:01
Fra pochi giorni un giudice dovrà stabilire se accogliere o meno il ricorso, presentato dai famigliari di Matteo Tenni, contro l’archiviazione [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato