Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'Apss: ''Riconvertiamo un altro piano dell'ospedale di Rovereto. E aumentiamo anche i posti letto in terapia intensiva''

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari continua la riorganizzazione del sistema provinciale. La situazione epidemiologica è in peggioramento sul territorio e le autorità predispongono le contromisure per affrontare la seconda ondata del coronavirus

Di Luca Andreazza - 20 ottobre 2020 - 20:05

TRENTO. E' salito il numero dei pazienti in cura a causa di Covid-19. Sono 46 le persone in ospedale tra Trento e Rovereto, nessuno si trova in terapia intensiva. L'Azienda provinciale per i servizi sanitari continua la riorganizzazione del sistema provinciale. La situazione epidemiologica è in peggioramento sul territorio e le autorità predispongono le contromisure per affrontare la seconda ondata del coronavirus.

 

Nelle scorse settimane è stato riaperto il reparto Covid al quinto piano dell'ospedale di Rovereto. "Attualmente - dice Pier Paolo Benetollo, direttore generale dell'Apss - abbiamo 14 pazienti ricoverate a malattie infettive a Trento. Altre 32 persone si trovano nella città della Quercia: qui ci prepariamo a riconvertire anche il reparto di geriatria al quarto piano e gli ospiti devono essere dimessi o spostati. Si prevede anche di dirottare gli accoglimenti al pronto soccorso".

 

Adesso le terapie intensive sono vuote, ma l'intenzione è quella di aumentare i posti letto. "E' ragionevole pensare che possano servire questi spazi e ci attrezziamo in questa direzione. Prevediamo i passaggi necessari per farci trovare pronti. Se i pazienti - aggiunge il dirigente - dovessero aumentare in modo significativo vedremo di orientare le attività in questo senso, quindi la sospensione di visite e interventi non urgenti".

 

Tra le azioni intraprese nei giorni scorsi, anche il potenziamento dei posti letto alla Rsa Covid di Volano, ora sono occupati 37 su 80 letti. Sono 3 le Rsa interessate dal contagio: Pinè, Malè e la Solatrix. Ci sono poi 16 case di riposo senza contagio tra gli ospiti ma con casi tra gli operatori. Alle Rsa di transito, Ala e Dro, ci sono rispettivamente 12 e 22 persone. "I protocolli funzionano e durante l'estate ci siamo preparati. Adesso prevediamo di adeguare le linee guida all'ultimo Dpcm. Anche a Tione siamo pronti a organizzarci se necessario", conclude Giancarlo Ruscitti, dirigente generale del Dipartimento salute e politiche sociali della Provincia di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 20:20

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 49 in alta intensità. Sono stati trovati 176 positivi a fronte dell'analisi di 740 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 23,8%

30 novembre - 20:31

Un'operazione un po' diversa rispetto al modello di screening di massa altoatesino, ma comunque un'attività a più ampio raggio per cercare di interrompere il prima possibile eventuali catene di contagio attraverso una serie di test antigenici. E' necessaria l'impegnativa del medico di base per portare effettuare il tampone

30 novembre - 19:37

La proposta è quella degli skipass solo a chi pernotta almeno 1 notte in una struttura oppure le persone che possiedono o mettono in affitto una seconda casa. Dura la Cgil, Stefano Montani: "Ennesima estemporanea uscita di Failoni, una proposta che almeno ha il pregio di far sorridere, magari amaramente, ma pur sempre sorridere. L'assessore in cerca di facile pubblicità la smetta di ragionare da albergatore e inizi a farlo da assessore"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato