Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, primo morto in Italia. Bloccati i passeggeri di due treni (uno è falso allarme)

Un uomo di 77 anni è morto questa sera a Monselice dove era ricoverato dopo essere risultato positivo al test per il coronavirus. 

Pubblicato il - 22 febbraio 2020 - 00:02

PADOVA. E' morta questa sera una delle due persone venete contagiata dal Coronavirus. Si tratta di un uomo di 77 anni che, assieme ad un altro paziente, si trovava ricoverato a Monselice.

 

Secondo le ultime notizie risultano essere 15 i contagiati individuati in Lombardia mentre 1 in Veneto nell'arco di 24 ore. Ci sono però centinaia di persone che sono in attesa di sapere il risultato dei test.

 

Le autorità sanitarie locali e nazionali stanno portando avanti il lavoro di ricostruzione di tutti i contatti avuti dalle persone che sono risultate affette da Coronavirus.

 

Intanto nella serata di oggi due treni sono stati fermati nelle stazioni di Lecce e Milano perché a bordo ci sarebbero due casi sospetti di coronavirus. Si tratta di un Italo da Milano per Torino e di un Freccia in partenza dalla stazione del capoluogo salentino. In un caso si tratterebbe di un falso allarme mentre nell'altro si stanno attendendo le verifiche.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 aprile - 11:52

Il caso è successo nelle Giudicarie Esteriori. A segnalare la presenza del Taxi alle forze dell'ordine dei residenti e la polizia locale ha intercettato il mezzo

03 aprile - 06:51

Sono anche tanti i professionisti ormai in pensione che hanno deciso di tornare tra le corsie d'ospedale per far fronte all'emergenza. Tra questi c'è Marina Cologna, in pensione da due anni ma che lunedì tornerà al Santa Chaira ed era nella commissione di laurea dei nuovi infermieri: "Trovo sia il minimo quello di mettermi a disposizione per alleggerire il carico ai colleghi che lavorano 13 ore al giorno. Mi impegnerò per dare tutto il mio contributo come faranno i neolaureati e come fanno gli infermieri che ogni giorno sono in trincea"

02 aprile - 18:01

L'arcivescovo Lauro tornerà in cattedrale per guidare, alle 15, la meditazione sulla Passione, come accaduto dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Domani sera i giovani collegati via web guideranno la via Crucis cittadina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato