Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, salgono a 20 i decessi in Alto Adige. Boom di contagi a Castelrotto (24 in un solo giorno): la mappa dei positivi e delle quarantene

Tra ieri e oggi si sono registrati 114 nuovi contagi. Di questi 24 solo a Castelrotto che raggiunge quota 44 casi (più anche di Merano che ne ha registrati 32)

Pubblicato il - 20 marzo 2020 - 16:34

BOLZANO. Mentre sono stati 114 i casi di nuovi contagi tra ieri e questa mattina, si è registrato un incredibile aumento a Castelrotto dove in un solo giorno i casi di persone positive al Covid-19 sono passati da 20 a 44. Una crescita enorme di ben 24 casi che risulta essere la più imponente (addirittura due in più anche del capoluogo dove sono stati 22 i casi in aumento per arrivare a un totale di 126 persone) di tutto l'Alto Adige dove in totale sono 555 le persone risultate positive all'infezione. Il tutto dopo 4433 test effettuati su 3094 persone

 

Crescono anche i casi di Corvara in Badia che passano dai 4 degli scorsi giorni ai 10 di oggi. E dati altissimi restano sulla Val Gardena con una crescita che continua a registrarsi nelle diverse località sciistiche. Il numero dei decessi da infezione Sars-CoV-2 registrati in Alto Adige si attesta sinora a 20 persone (erano 19 ma oggi se ne è aggiunta un'altra). Si tratta di persone anziane con una o più malattie pregresse. Ad oggi (20 marzo) il numero delle persone poste in quarantena domiciliare in Alto Adige è di 1855 unità. Ecco i focus sui diversi comuni.

 

 “Dobbiamo partire dal presupposto che il coronavirus abbia raggiunto tutti i Comuni dell’Alto Adige - ha detto il presidente Kompatscher in conferenza stampa - e per questo motivo dobbiamo tutti comportarci come se fossimo positivi''.

 

 

Contagi

 

 

 

 

 

Quarantene

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

24 ottobre - 08:12

Complice il manto stradale bagnato la donna ha perso il controllo del mezzo finendo per ribaltarsi. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Dro, i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine

23 ottobre - 18:47

I risultati dello studio condotto dagli esperti dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima. I test sono stati condotti su diversi tipi di dispositivi di copertura naso-bocca: la mascherina artigianale, chirurgica, FFP2 o KN95, la visiera e le fasce di stoffa. Nello specifico, la percentuale di CO2 espirata ad essere re-inalata con la visiera è del 3%, mentre il 14% con quella artigianale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato