Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, stop assembramenti a Trento. Il sindaco Ianeselli firma la nuova ordinanza: dalle 22 niente alcol

La nuova ordinanza è valida fino al 31 gennaio 2021. Nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico c'è il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 22 alle 5. Stabilito anche divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo

Di GF - 21 ottobre 2020 - 11:51

TRENTO. Il sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha firmato questa mattina una nuova ordinanza che vieta la vendita e il consumo di bevande alcoliche al di fuori dal tavolini su tutto il territorio comunale dalle 22 alle 5.

 

Ianeselli aveva firmato lo scorso 8 ottobre l'ordinanza 21 che riguardava solamente la zona attorno a via Santa Maria Maddalena. Con quel documento, tra le 22 e le 6 del mattino, bar e ristoranti non potevano né vendere né somministrare bevande alcoliche e superalcoliche al di fuori dello spazio del locale o dei plateatici. Nella stessa fascia oraria, per i clienti era vietata, sempre al di fuori dei locali o dei plateatici, pure il consumo e la detenzione di qualsiasi bevanda (anche non alcolica), a meno che non si tratti di recipienti chiusi e integri.

 

Ora il nuovo provvedimento è un rafforzamento, insomma, dell'intervento che è arrivato alla fine della scorsa settimana dal Dpcm del Presidente del consiglio. L'obiettivo è ancora una volta quello di evitare assembramenti ed in questo modo evitare anche la possibilità di diffusione del contagio da coronavirus.

 

Con la nuova ordinanza il sindaco Franco Ianeselli ha stabilito fino al 31 gennaio 2021 compreso, nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico all’interno del territorio comunale, il divieto di vendita per asporto (anche attraverso distributori automatici) di bevande alcoliche e superalcoliche dalle ore 22 alle ore 5 del giorno successivo.

 

E' stato poi previsto il divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo (sia alcoliche che non) ed il consumo delle stesse dalle ore 22 alle ore 5 del giorno successivo.

 

All’interno delle attività commerciali ed artigianali del settore alimentare è ammesso il consumo sul posto fino alle ore 18.

 

Nei locali sede di pubblici esercizi di somministrazione e nelle aree concesse e/o adibite a plateatico degli stessi, è invece consentito usufruire dei servizi di ristorazione senza consumo al tavolo fino alle ore 18 e con consumo al tavolo fino alle ore 24.

 

L'ordinanza nel dettaglio

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato