Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, torna la paura nelle case di riposo. Nel bellunese focolaio in una struttura: 5 anziani trasferiti in ospedale

Sono stati eseguiti i tamponi agli altri ospiti e al personale. Ora si attendono i risultati per eventuali altre azioni necessario per contenere il virus 

Pubblicato il - 04 October 2020 - 10:04

BELLUNO. Se da un lato i casi di coronavirus a Comelico sembrano rallentare dall'altro nel bellunese c'è un nuovo allarme rappresentato dall'individuazione di cinque nuovi positivi all'interno di una casa di riposo.

 

Si tratterebbe di una struttura di Cortina e gli anziani sono stati trasferiti nel reparto di Malattie Infettive del San Martino.

 

In merito alla casa di riposo interessata da un focolaio interno sono già stati eseguiti tamponi di controllo agli ospiti e al personale, i risultati di tali tamponi determineranno eventuali ulteriori interventi di isolamento dei soggetti positivi e ulteriori azioni da mettere in campo per contenere il contagio.

 

Bene invece la situazione nel Comelico dove nelle scorse settimane si era registrato un contagio elevato tra le persone. Le ultime 24 ore di attività laboratoristica, ha spiegato l'Ulss non hanno messo in evidenza alcuna nuova positività relativa al tampone standard in riferimento al focolaio del Comelico.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 January - 13:44

L'allerta è scattata intorno alle 12.45 di oggi, sabato 23 gennaio, in zona del Dosso Costalta, parte sud-occidentale del Lagorai tra l’altopiano di Pinè e la val dei Mocheni. Sono in corso le operazioni e le attività di soccorso

23 January - 12:41

A oltre 80 anni dalla firma apposta da suo bisnonno Vittorio Emanuele III alle leggi razziali, l'erede di casa Savoia Vittorio Emanuele III ha voluto inviare una lettera di scuse alla comunità ebraica italiana. "E' arrivato il momento di fare i conti con la Storia". Ma perché questo gesto? 

23 January - 14:00

E' stata coinvolta una strada che era, però, già stata chiusa nella giornata di ieri per motivi di sicurezza. Non sono state coinvolte fortunatamente persone 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato