Contenuto sponsorizzato

Danneggiate alcune auto della Tim a Rovereto. Marighetti (Slc Cgil): "Atto vile contro i lavoratori. Non è la prima volta"

Nella sede centrale della Tim del capoluogo lagarino, lunedì mattina, dei tecnici sono normalmente saliti sull'auto per andare a svolgere il proprio lavoro, quando i veicoli si sono spenti poco dopo l'accensione. Nei serbatoi era stato versato un liquido viscoso. Non è la prima volta che Rovereto assiste ad azioni di sabotaggio nei confronti dell'azienda di telefonia

Pubblicato il - 27 May 2020 - 17:31

ROVERETO. Auto danneggiate e rese inutilizzabili. È questa la denuncia di Slc Cgil, dopo che alcune auto della centrale Tim di Rovereto sono state trovate sabotate da ignoti. Non è la prima volta che l'azienda, d'altronde, si vede colpita nel capoluogo lagarino, visto che poco tempo fa alcuni armadi che contengono cavi telefonici sono stati trovati aperti, tutti i cavi tagliati.

 

C'è preoccupazione tra i lavoratori – spiega la referente per la categoria di Cgil Norma Marighetti – perché se l'auto si fosse guastata sulla strada o in incrocio le cose sarebbero potute andare diversamente. Lunedì mattina, invece, dei tecnici, saliti sulle rispettive auto di servizio, si sono fermati poco dopo aver acceso l'auto. All'interno dei serbatoi era stato versato del liquido viscoso. Non è la prima volta che accadono fatti del genere ai danni della Tim”.

 

Dieci giorni fa – continua – sono stati trovati due armadietti dei cavi telefonici e di internet aperti. Tutti i cavetti erano stati tagliati, creando quindi un danno per l'azienda ma soprattutto il danneggiamento dell'accesso ad internet di molti cittadini che per giorni non hanno potuto navigare mettendo a rischio il lavoro e la propria partecipazione alle videolezioni”.

 

Sugli autori, però, nulla è ancora chiaro. “La Digos sta indagando – conclude Marighetti – avevamo fatto un accordo con l'azienda per la videosorveglianza, vedremo se salterà fuori qualcosa. Per ora ci sono sicuramente 3 auto danneggiate, ma nessuna rivendicazione. L'atto è vile perché si può protestare, è legittimo e noi della Cgil siamo tra quelli che lo fanno di più, ma bisogna farlo con mezzi pacifici e soprattutto senza danneggiare altri lavoratori”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 giugno - 21:07
Una barca si è rovesciata nel lago di Caldonazzo a causa del forte maltempo che si è abbattuto su ampie porzioni del Trentino. Due persone [...]
Cronaca
23 giugno - 19:56
Chi è abituato a percorrere il viadotto dei Crozi sa che sulla vecchia strada da sempre si formano delle cascate con l'arrivo del maltempo. Ora [...]
Cronaca
23 giugno - 21:22
I due escursionisti, con una comitiva di altre 6 persone, si trovavano a quota 3.100 metri sotto le roccette di Punta Penia quando è avvenuto il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato