Contenuto sponsorizzato

Dimesso il 24enne aggredito dall’orso: aveva riportato varie ferite che sono state medicate per scongiurare il rischio di infezioni

Il giovane, tenuto in osservazione al Santa Chiara, è stato da poco dimesso. Il carabiniere ha ricevuto la visita del presidente Fugatti, accompagnato dall’assessora alla salute Segnana e dal commissario del Governo Lombardi. Ancora assente l’assessora competente Zanotelli che fino a questo momento non è intervenuta sulla vicenda

Di Tiziano Grottolo - 24 agosto 2020 - 19:04

TRENTO. Dopo due notti trascorse in osservazione all’ospedale Santa Chiara di Trento è stato dimesso il carabiniere 24enne che la notte fra sabato e domenica 23 agosto era stato aggredito da un orso, mentre si trovava assieme a un’amica lungo la passeggiata che costeggia il laghetto di Andalo (articoli QUI e QUI). AGGIORNAMENTO. Oggi, 25 agosto, la Provincia ha smentito sé stessa e il comunicato precedente: "Contrariamente a quanto era stato stabilito ieri, il giovane carabiniere di origini venete non è stato dimesso, ma resterà ricoverato per qualche giorno nel reparto di chirurgia plastica. Questo per poterlo medicare evitando che debba, ogni volta, entrare e uscire dall'ospedale". 

 

Il giovane, dopo l’attacco, aveva riportato una serie ferite che sono state medicate dai sanitari dell’ospedale. Il problema principale è stato quello di evitare possibili infezioni. Oggi quindi, visto che le sue condizioni non destavano particolari preoccupazioni, il giovane ha potuto lasciare l’​ospedale.

 

Prima di essere dimesso però, il carabiniere è stato raggiunto anche dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti e dall’assessora alla salute Stefania Segnana, accompagnati dal commissario del Governo, Sandro Lombardi. “Un gesto di vicinanza – ha sottolineato la Fugatti – un atto dovuto”. Eppure non si può fare a meno di notare l’assenza dell’assessora competente Giulia Zanotelli che, inspiegabilmente, non è ancora intervenuta sulla vicenda.

 

Nel frattempo si attente l’esito delle analisi genetiche effettuate anche sui vestiti che indossava il 24enne, al fine di stabilire con certezza l’identità dell’orso. I tecnici della provincia sono convinti si tratti di M57, un esemplare ripreso più volte in zona e che nei mesi precedenti aveva mostrato un atteggiamento confidente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato