Contenuto sponsorizzato

Dimesso il 24enne aggredito dall’orso: aveva riportato varie ferite che sono state medicate per scongiurare il rischio di infezioni

Il giovane, tenuto in osservazione al Santa Chiara, è stato da poco dimesso. Il carabiniere ha ricevuto la visita del presidente Fugatti, accompagnato dall’assessora alla salute Segnana e dal commissario del Governo Lombardi. Ancora assente l’assessora competente Zanotelli che fino a questo momento non è intervenuta sulla vicenda

Di Tiziano Grottolo - 24 August 2020 - 19:04

TRENTO. Dopo due notti trascorse in osservazione all’ospedale Santa Chiara di Trento è stato dimesso il carabiniere 24enne che la notte fra sabato e domenica 23 agosto era stato aggredito da un orso, mentre si trovava assieme a un’amica lungo la passeggiata che costeggia il laghetto di Andalo (articoli QUI e QUI). AGGIORNAMENTO. Oggi, 25 agosto, la Provincia ha smentito sé stessa e il comunicato precedente: "Contrariamente a quanto era stato stabilito ieri, il giovane carabiniere di origini venete non è stato dimesso, ma resterà ricoverato per qualche giorno nel reparto di chirurgia plastica. Questo per poterlo medicare evitando che debba, ogni volta, entrare e uscire dall'ospedale". 

 

Il giovane, dopo l’attacco, aveva riportato una serie ferite che sono state medicate dai sanitari dell’ospedale. Il problema principale è stato quello di evitare possibili infezioni. Oggi quindi, visto che le sue condizioni non destavano particolari preoccupazioni, il giovane ha potuto lasciare l’​ospedale.

 

Prima di essere dimesso però, il carabiniere è stato raggiunto anche dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti e dall’assessora alla salute Stefania Segnana, accompagnati dal commissario del Governo, Sandro Lombardi. “Un gesto di vicinanza – ha sottolineato la Fugatti – un atto dovuto”. Eppure non si può fare a meno di notare l’assenza dell’assessora competente Giulia Zanotelli che, inspiegabilmente, non è ancora intervenuta sulla vicenda.

 

Nel frattempo si attente l’esito delle analisi genetiche effettuate anche sui vestiti che indossava il 24enne, al fine di stabilire con certezza l’identità dell’orso. I tecnici della provincia sono convinti si tratti di M57, un esemplare ripreso più volte in zona e che nei mesi precedenti aveva mostrato un atteggiamento confidente.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
15 aprile - 06:01
Nel 2015, in Trentino, era stato avviato un progetto innovativo basato su un sistema intelligente che puntava a evitare che gli orsi si [...]
Cronaca
15 aprile - 08:33
A provocare l'incendio il guasto di un freno. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Bressanone 
Cronaca
15 aprile - 07:52
Aveva 56 anni e lavorava nella malga Basson di Sotto a circa 1400 metri a poca distanza da passo Vezzena. L'uomo, secondo le prime informazioni, è [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato