Contenuto sponsorizzato

E' il 60enne Florian Tröger il cacciatore deceduto in val Passiria. Scivolato per 150 metri, è morto davanti agli occhi del fratello

Florian Tröger, 60enne di San Martino in Passiria, è deceduto dopo una caduta di oltre 150 metri. Era impegnato assieme al fratello in una battuta di caccia, quando, nonostante i ramponi, ha perso l'appoggio ed è precipitato. Quando i soccorsi sono arrivati sul posto, per lui non c'era più nulla da fare

Foto di archivio
Di Davide Leveghi - 14 December 2020 - 17:01

SAN MARTINO IN PASSIRIA. E' Florian Tröger il cacciatore deceduto nella mattinata di lunedì 14 dicembre in località Valclava, frazione di San Martino in Passiria. L'uomo, 60enne del posto, è scivolato mentre stava cacciando camosci assieme al fratello. Perso l'appoggio del piede, è caduto per oltre 150 metri, morendo sul colpo.

 

Niente da fare infatti per i soccorsi, immediatamente chiamati dal fratello. Quando l'elisoccorso è giunto sul luogo, per il 60enne - da sempre residente a San Martino in Passiria - non c'era più nulla da fare.

 

A determinare la caduta, come detto, sarebbe stato uno scivolamento del piede, nonostante il cacciatore indossasse i ramponi. Sul posto, nelle vicinanze di maso Steinwanterhof, si sono precipitati anche i carabinieri di Tirolo e San Leonardo in Passiria.

 

La salma è stata recuperata dall'elicottero Pelikan. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 January - 13:44

L'allerta è scattata intorno alle 12.45 di oggi, sabato 23 gennaio, in zona del Dosso Costalta, parte sud-occidentale del Lagorai tra l’altopiano di Pinè e la val dei Mocheni. Sono in corso le operazioni e le attività di soccorso

23 January - 12:41

A oltre 80 anni dalla firma apposta da suo bisnonno Vittorio Emanuele III alle leggi razziali, l'erede di casa Savoia Vittorio Emanuele III ha voluto inviare una lettera di scuse alla comunità ebraica italiana. "E' arrivato il momento di fare i conti con la Storia". Ma perché questo gesto? 

23 January - 14:00

E' stata coinvolta una strada che era, però, già stata chiusa nella giornata di ieri per motivi di sicurezza. Non sono state coinvolte fortunatamente persone 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato