Contenuto sponsorizzato

Femminicidio, uccide la compagna sparandole in testa mentre dorme. Lo stava ospitando in casa per l'isolamento coronavirus

La tragedia è avvenuta in periferia di Milano e l'uomo, un guardacaccia di Bressanone, si è recato poi in caserma dai carabinieri a costituirsi 

Pubblicato il - 19 aprile 2020 - 14:47

MILANO.  E' un guardiacaccia con base a Bressanone l'uomo che questa notte ha ucciso la propria compagna sparandogli in testa mentre stava dormendo.

 

La tragedia è avvenuta a Milano dove l'uomo si trovava per trascorrere la quarantena con lei.

 

L'uomo lavorava a Bressanone e il venerdì raggiungeva la compagna nel milanese. Da circa due settimane, però, i due vivevano assieme.

 

Secondo quanto ricostruito, il movente sarebbe da ricercare nella gelosia. La donna voleva interrompere la relazione ma aveva deciso comunque di ospitarlo a casa sua. Sono in corso approfondite indagini.

 

Il cadavere della donna, di 47 anni come l'uomo, era riverso sul letto ed è stato trovato anche il fucile a pompa calibro 12 usato per il femminicidio.

 

Dopo aver ucciso la donna, l'uomo si è presentato in caserma dai carabinieri per confessare l'omicidio.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

20 gennaio - 19:12

Nell'ultimo confronto Stato-Regioni si è parlato dei tagli della Pfizer nella fornitura dei vaccini: "Abbiamo manifestato il nostro sconcerto". Un altro argomento è stato quello dei ristori. "Auspichiamo che il governo in carica sappia rispettare gli accordi presi con le categorie economiche. Non ci sono ancora garanzie e questo ci preoccupa". Il punto sui test salivari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato