Contenuto sponsorizzato

Uccide la compagna sparandole in testa, era già stato denunciato due volte per aggressioni

Le denunce risalgono al 2009 e il 2012 e in un caso aveva cercato di far uscire di strada l'ex moglie. L'uomo lavorava a Bressanone ma si trovava a Milano ospite della donna che ieri notte ha ucciso

Pubblicato il - 20 April 2020 - 08:23

MILANO. “Voleva lasciarmi, l'ho ammazzata” queste le parole che l'uomo di 47enne, guardiacaccia di Bressanone, avrebbe pronunciato in lacrime davanti ai carabinieri quando ieri mattina si è presentato per confessare il terribile omicidio che aveva commesso.

 

L'uomo, Antonio Vena, ha preso in mano il fucile a pompa ed ha sparato in testa alla compagna, Alessandra Cità. L'arma era detenuta regolarmente dalla donna ma Vena conosceva il posto dove trovarla.

 

Il movente sembra essere quello della gelosia. I due si trovavano in casa assieme perché, stando sempre quando ricostruito dalle forze dell'ordine, la donna lo stava ospitando per il periodo di isolamento imposto dall'emergenza coronavirus.

 

Le indagini nelle ultime ore sono andate avanti. Vena era già stato denunciato due volte per violenza dalla donna con cui in passato era sposato.

 

Le denunce risalgono al 2009 e al 2012 quando vivevano assieme a Chiusa. Nel 2012, secondo la denuncia, Vena aveva inseguito la donna in macchina e l'aveva tamponata fino a farla uscire di strada.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 17:41

Sono stati trovati 39 casi tra gli over 70 e 4 tra gli under 5. Ci sono 17 classi in isolamento. Oggi comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale. Sale il numero dei pazienti in terapia intensiva

16 January - 18:25

La società ha comunicato che da lunedì consegnerà all'Italia il 29% di filiale di vaccino in meno rispetto a quanto era stato stabilito dal contratto. Ad inizio della prossima settimana, intanto, riceveranno la seconda dose le persone che si sono vaccinate per prime il 27 dicembre scorso

16 January - 11:50

Di fronte al viavai nei pressi di un B&B di Bolzano, gli agenti hanno deciso di intervenire. Avvicinatisi, hanno sentito il rumore dello sciacquone, decidendosi così di fare irruzione. All'interno, c'erano i soldi e ciò che rimaneva delle dosi di cocaina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato