Contenuto sponsorizzato

Feste Vigiliane, dal Centro Santa Chiara 40 mila euro a Marco Lazzeri. Importo eccessivo? "Ho portato avanti l'intera struttura organizzativa. Non è stato semplice farlo in emergenza sanitaria''

Hanno creato qualche discussione i compensi apparsi nella sezione trasparenza del Centro Servizi Santa Chiara per l'organizzazione dell'ultima edizione delle Feste Vigiliane. Soprattutto l'importo dato a Marco Lazzeri che ha avuto l'incarico di coordinare l'intera organizzazione dell'evento e trovare gli sponsor

Di Giuseppe Fin - 14 luglio 2020 - 13:15

TRENTO. Le Feste Vigiliane rappresentano uno dei principali eventi della città di Trento che da sempre hanno visto il coinvolgimento dell'intera comunità. Una macchina organizzativa invidiata da molti, per anni guidata dall'instancabile Guido Malossini e da una regia portata avanti dal Comune prima e dal Centro servizi Santa Chiara poi.

 

Quest'anno l'emergenza Covid-19 ha cambiato tutto ma le Vigiliane non si sono fermate. Per la prima volta nella loro storia gli eventi sono stati ridotti, le modalità di fruizione rinnovate e il pubblico è stato raggiunto in altri modi. L'intera kermesse, infatti, si è potuta seguire in diretta tv o in streaming. Non sono mancati i momenti simbolo di questa manifestazione dalla cerimonia di apertura in piazza Duomo al Tribunale di Penitenza fino ad arrivare alla Tonca. Assenti, invece, il palio dell'oca e la famosa disfida tra Ciusi e Gobj.

 

I risultati, pur in questa modalità, non sono mancati e anche quest'anno le Feste Vigiliane sono riuscite, pur nei limiti dell'emergenza sanitaria che stiamo vivendo, a ricreare quella rievocazione e quel clima di comunità che le hanno sempre contraddistinte. 

 

A creare però scalpore per alcuni sono stati i compensi che il Centro servizi Santa Chiara ha dato ad alcuni liberi professionisti. Per conoscerli basta andare nella sezione trasparenza dell'ente. Qui ne vengono citati tre: Emanuele Masi con l'incarico di “Consulenza artistica per la realizzazione delle rassegne danza 2020” a cui sono andati 20 mila euro; Lucio GardinConsulenza artistica per la realizzazione delle Feste Vigiliane 2020” a cui sono andati 15 mila euro: e infine Marco Lazzeri con l'incarico di “Consulenza organizzativa e fund rising” a cui è andato l'importo maggiore, 40 mila euro più le provvigioni sulle sponsorizzazioni. Un importo, quest'ultimo, che per alcuni è sembrato esagerato.

Essendo questi soldi pubblici abbiamo quindi deciso di chiedere delle spiegazioni sia al presidente del Centro Santa Chiara, Sergio Divina, che al diretto interessato, Marco Lazzeri.  “Tutte le operazioni portate avanti per la realizzazione delle Feste Vigiliane sono state fatte in maniera trasparente” ha chiarito il presidente Divina. “Abbiamo operato in una situazione davvero difficile con le restrizioni causate dal Covid-19 che ha portato ad una netta riduzione del personale. Di fondamentale importanza è stato l'apporto dato da Marco Lazzeri”.

In merito all'importo dato, Divina ha spiegato: “E' un compenso dato ad una persona che ha avuto il compito di coordinare l'intera struttura organizzativa e che ha affrontato spese sia dal punto di vista delle consulenze che della gestione di una squadra quanto mai importante per la realizzazione delle feste”.

 

Chiarimenti sono arrivati anche da Marco Lazzeri. “L'incarico per le Feste Vigiliane – ha spiegato telefonicamente – mi è stato dato in quanto libero professionista e nulla a che vedere con l'incarico che ho in Pro Loco. Per anni ho seguito questo evento e ne conosco i meccanismi e per la realizzazione, soprattutto in una situazione di emergenza come quella che abbiamo vissuto, serviva qualcuno che conoscesse la macchina”.

 

L'incarico da 40 mila euro è iniziato il 16 marzo di quest'anno e dura fino al 31 luglio. “Non tutti sanno che abbiamo iniziato a lavorare già prima di dicembre dello scorso anno allo studio del programma – ha spiegato Lazzeri – e che all'arrivo del coronavirus le cose si sono complicate facendoci cambiare i programmi molte volte e non è stato sempre semplice”. Il compenso è stato anche usato per coprire le spese che da coordinatore dell'organizzazione ha affrontato. “Come libero professionista con un incarico – continua Marco Lazzeri – dovevo raggiungere degli obiettivi. E' servito quindi personale e qualche consulenza. Mantenere un'intera struttura organizzativa di questo genere non è stato semplice si è però riusciti a creare un modello importante che potrà servire anche in futuro”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 agosto - 13:33

Sono ancora molte le incertezze per il comparto scolastico a quasi un mese dalla riapertura degli istituti, ora si aggiunge un'ulteriore criticità. Se la situazione epidemiologica a settembre fosse quella di oggi, la Provincia potrebbe firmare un'ordinanza per risolvere la questione e portare la capienza al 100%. Fugatti: "Tema da affrontare in Conferenza Stato-Regioni"

07 agosto - 13:51
Un incidente pauroso alle 5 di questa mattina, venerdì 7 agosto, in A22 tra i caselli di Rovereto sud e Ala-Avio. Fortunatamente la famiglia rimasta coinvolta in questo episodio non è in pericolo di vita, anche se sono stati trasferiti all'ospedale di Rovereto per accertamenti e approfondimenti
07 agosto - 13:00

E' successo questa mattina presto a Cassone sul Garda. La macchina non riusciva più a ripartire perché le ruote scivolavano sul ghiaino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato