Contenuto sponsorizzato

Giallo a San Candido, ragazza di 28 anni trovata morta nel suo letto: si indaga anche per omicidio

Al momento gli inquirenti non escludono nessuna possibilità e da quel che emerge non sarebbero state rinvenute tracce di sangue all'interno dell'abitazione mentre la giovane sarebbe morta per asfissia

Pubblicato il - 30 gennaio 2020 - 18:32

SAN CANDIDO. E' stata trovata morta nella sua stanza da letto e qualcuno già parla dell'ennesimo caso di femminicidio anche se gli inquirenti stanno indagando  e non si esclude nessuna pista. A perdere la vita una ragazza di 28 anni di origine pakistana residente a San Candido nella frazione di Versciaco.

 

La giovane era nel letto di un appartamento di via Anger (delle casette usate anche per ospitare i turisti) all'interno del quale viveva con il suo compagno quando è stata trovata senza vita.

 

Subito sul posto sono giunti i carabinieri e gli organi inquirenti e non sarebbero state trovate tracce di sangue mentre la morte sarebbe avvenuta per asfissia Le indagini sono condotte dai due pm Rielli e Sacchetti che stano cercando di ricostruire la dinamica dell'accaduto e cercando di rintracciare le persone che potrebbero essere coinvolte nella vicenda. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato