Contenuto sponsorizzato

Inquinamento dell'aria, piano antismog per la città di Trento: ripartono le limitazioni al traffico

Il Comune dà attuazione al piano di tutela della qualità dell'aria adottato dalla Giunta provinciale. La prima categoria di interventi riguarda la limitazione della circolazione per i veicoli più inquinanti

Pubblicato il - 30 ottobre 2020 - 12:43

TRENTO. Prende il via domenica, 1 novembre, il piano antismog per la città di Trento. Durerà fino al 31 marzo 2021 con una serie di provvedimenti strutturali che hanno come obiettivo principale la riduzione delle emissioni di polveri fini e di ossidi di azoto.

 

La prima categoria di interventi riguarda la limitazione della circolazione per i veicoli più inquinanti.

 

Tutti i giorni, esclusi sabato e festivi, dalle 7 alle 10 e dalle 16 alle 19, è previsto il blocco per tutti i veicoli classificati “euro 0”, i veicoli classificati “euro 1” alimentati a diesel, gli autoveicoli classificati “euro 2” ad accezione di quelli dotati di filtro antiparticolato omologato f.a.p alimentati a diesel, motocicli e ciclomotori a due tempi alimentati prevalentemente a miscela olio/benzina “euro 1”.

 

La polizia locale, a seguito di specifica richiesta del cittadino, valuta eventuali deroghe al provvedimento di limitazione.

 

A fronte di situazioni di criticità della qualità dell'aria urbana potranno essere adottati provvedimenti di emergenza dei quali verrà data puntuale informazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 20:20

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 49 in alta intensità. Sono stati trovati 176 positivi a fronte dell'analisi di 740 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 23,8%

30 novembre - 20:31

Un'operazione un po' diversa rispetto al modello di screening di massa altoatesino, ma comunque un'attività a più ampio raggio per cercare di interrompere il prima possibile eventuali catene di contagio attraverso una serie di test antigenici. E' necessaria l'impegnativa del medico di base per portare effettuare il tampone

30 novembre - 19:37

La proposta è quella degli skipass solo a chi pernotta almeno 1 notte in una struttura oppure le persone che possiedono o mettono in affitto una seconda casa. Dura la Cgil, Stefano Montani: "Ennesima estemporanea uscita di Failoni, una proposta che almeno ha il pregio di far sorridere, magari amaramente, ma pur sempre sorridere. L'assessore in cerca di facile pubblicità la smetta di ragionare da albergatore e inizi a farlo da assessore"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato