Contenuto sponsorizzato

Lutto nel mondo dello sport trentino, è morto Bruno Perottoni. Gli arbitri: ''Un vero e proprio papà per tutti noi''

Bruno era arbitro dal 1977, "Era per tutti un collega, un amico che ha sempre avuto gli arbitri nel cuore". Lascia la moglie Pina, la figlia Tullia con il genero Francesco Cirillo e il figlio Armando, oltre al fratello Gianni anch'egli arbitro negli anni '90

Pubblicato il - 06 aprile 2020 - 08:10

ROVERETO. Un altro pezzo di storia è stato portato via da questi giorni. La sezione arbitri  di Rovereto ha perso ieri  Bruno Perottoni, uno degli arbitri simbolo del Trentino.

 

“Bruno è stato per tutti questi anni un vero e proprio papà per tutti noi, un motivatore per i giovani arbitri, un formatore a tutti i livelli, un riferimento per l'intera Sezione” scrivono in una nota gli arbitri.  Una famiglia la sua dove l'arbitraggio è sempre stato di casa, lascia la moglie Pina, la figlia Tullia con il genero Francesco Cirillo e il figlio Armando, oltre al fratello Gianni anch'egli arbitro negli anni '90.

 

Bruno era arbitro dal 1977, dopo una carriera sui campi è stato Componente del Comitato Regionale Arbitri, Referente regionale del Calcio a 5, osservatore della CAN5, Presidente di Sezione e oggi era parte del Settore Tecnico in qualità di Mentor per il Calcio a 5. 

 

Ma più di tutto questo Bruno “era per tutti un collega, un amico – continua la nota - che ha sempre avuto gli arbitri nel cuore; una persona sempre pronta al sorriso, ed è con il suo stesso sorriso che tutta la sezione di Rovereto vuole ricordarlo, stringendosi tutti insieme ai suoi cari in un caloroso abbraccio”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato