Contenuto sponsorizzato

Presa a testate anche se incinta, pugni e botte pure dopo l'operazione. Finisce l'incubo per una giovane 30enne: arrestato il convivente violento

Il 13 novembre l'ultimo episodio con la ragazza finita in ospedale per una frattura composta dell’orbita oculare. All'arrivo degli agenti della polizia la giovane ha cominciato a raccontare cosa sono stati i 4 anni passati con quel 39enne imprenditore agricolo trentino ed è scattata la denuncia

Di L.P. - 03 dicembre 2020 - 11:54

TRENTO. Picchiava e vessava, fisicamente e psicologicamente la compagna, una giovane 30enne madre di quattro figli (tre dei quali avuti da una precedente relazione e uno dall'uomo che la maltrattava). Ieri sera è scattato l'arresto del piccolo imprenditore agricolo trentino di 39 anni accusato di aver maltrattato la ragazza e di averla mandata all'ospedale il 13 novembre scorso dopo averle fratturato l'orbita oculare sinistra. E' una storia di violenze e vessazioni quella che ieri è sfociata nell'arrivo della squadra mobile della questura di Trento a casa dell'uomo accusato di maltrattamenti negli ultimi 4 anni alla donna.

 

Nella serata del 13 novembre la giovane si era presentata al pronto soccorso dell’ospedale “Santa Chiara” di Trento, per farsi medicare. All’esito della visita era stato appurato che aveva riportato una frattura composta dell’orbita oculare sinistra. In sede di refertazione la donna non ha voluto aggiungere alcunché su come si fosse procurata la lesione all’occhio. Ma nella stessa serata è stata raggiunta sul posto dagli investigatori della squadra mobile, allertati dai medici ed è stata immediatamente ascoltata.

 

La chiacchierata è divenuta di fatto una vera e propria denuncia: la donna ha trovato il coraggio di parlare e di raccontato di maltrattamenti e violenze, fisiche e psicologiche, patite dal almeno quattro anni dal suo compagno, già ammonito dal questore di Trento due volte, nel 2015 e nel 2017 per violenza domestica nei confronti di una precedente compagna e dell’attuale.

 

Dai racconti della donna, che sono stati riscontrati attraverso le indagini portate avanti dalla squadra mobile, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trento, è emerso un panorama di episodi violenti iniziati nel 2016. Addirittura mentre era incinta del bambino, nato dalla relazione con il suo aggressore, quest’ultimo, dopo una banale discussione, l’aveva afferrata per il collo e colpita ripetutamente con delle testate in volto. Continuando nel racconto agli agenti, la vittima ha riferito di innumerevoli episodi di violenza, mai denunciati per paura di ulteriori ritorsioni da parte del suo compagno.

 

I più gravi sono avvenuti nell’anno 2017, allorché la ragazza era stata colpita con ripetuti pugni all’occhio ed al naso, nel 2019, malgrado avesse subito un’operazione chirurgica, e fosse ancora convalescente, il compagno le aveva sferrato un calcio e nel corso di quest’anno quando la vittima è stata letteralmente scaraventata per le scale dal convivente dopo una discussione. Ma l’episodio che ha indotto la donna a non sopportare più le angherie del suo convivente è avvenuto lo scorso 13 novembre, allorché la furia dell’uomo non avrebbe risparmiato la figlia diciasettenne della donna, se quest’ultima non si fosse frapposta ricevendo un violento colpo all’occhio.

 

La furia violenta dell'uomo era scaturita dopo che la donna lo aveva ripreso perché aveva sputato nel lavandino della cucina appena pulito. Di contro l’uomo si scagliato contro la convivente, storcendole con forza il braccio e contemporaneamente sferrandole un pugno sulla schiena. A questo punto è intervenuta la figlia della donna, che ha tentato di liberare la madre dalla morsa violenta dell’aggressore. L’uomo ha caricato il braccio per colpirla con un pugno ma la madre, resasi conto di quanto stava per accadere, ha scansato la figlia, preferendo ricevere lei il colpo violento, che l’ha costretta ad andare in ospedale. L’uomo è attualmente detenuto in regime di arresti domiciliari presso l’abitazione dei suoi genitori in provincia di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato