Contenuto sponsorizzato

Minacciata e aggredita anche durante il periodo di gravidanza. Donna 30enne trova la forza di denunciare il compagno violento

L’uomo, per gelosia, impediva alla compagna di condurre una vita quotidiana nei limiti della normalità, usando la violenza su di lei anche davanti ai figli piccoli

Pubblicato il - 27 November 2020 - 16:47

CANAZEI. Il giorno dopo la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne del 25 novembre, una donna 30enne fassana ha trovato la forza di andare a denunciare alle forze dell'ordine le numerose violenze subite dal compagno.

 

La donna ha raccontato di subire maltrattamenti verbali e fisici. Ai carabinieri di Canazei, che presto sono passati agli accertamenti, è emerso un quadro drammatico. E' emerso che il compagno, un 38enne extracomunitario, aveva minacciato e usato violenza sulla donna in numerose occasioni, anche nei periodi di gravidanza e alla presenza dei figli piccoli.

 

L’uomo, per gelosia, impediva alla compagna di condurre una vita quotidiana nei limiti della normalità. Il 38enne è stato così incarcerato.

 

Le forze dell'ordine ci tengono ad invitare ancora una volta di segnalare tempestivamente situazioni di pericolo per la propria o altrui incolumità, anche per il tramite del Numero Unico di Emergenza 112 e denunciare i responsabili di comportamenti violenti, specie se perpetrati in danno di soggetti deboli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 January - 05:01

Nell'arco di due settimane si dovrebbe completare la seconda fase di somministrazione nelle Rsa Trentine. Nei prossimi giorni è stato chiesto un tavolo con la Provincia per ridiscutere assieme i protocolli di sicurezza e consentire una riapertura graduale delle strutture consentendo anche un ritorno degli abbracci

26 January - 07:54

Ieri a parlare è stato lo zio del giovane indagato per l’omicidio dei genitori e l’occultamento dei cadaveri dichiarando che secondo lui "Sicuramente non è stato un allontanamento volontario o un incidente" e sulla possibilità che i due corpi siano nel fiume ha dichiarato che potrebbe essere anche un depistaggio 

25 January - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato