Contenuto sponsorizzato

Professore universitario con il “doppio lavoro”: condannato a pagare 288mila euro

Giorgio Cacciaguerra è stato condannato dalla Corte dei Conti a pagare 288.417 euro perché pur lavorando per l’università a tempo pieno avrebbe, nel frattempo, svolto vari incarichi come libero professionista. Altri due professori nel mirino della Corte dei Conti, il danno erariale ipotizzato supera i 350mila euro

Pubblicato il - 13 August 2020 - 11:31

TRENTO. La vicenda giudiziaria che vede coinvolti Giorgio Cacciaguerra e altri docenti era scoppiata nel 2018, un vero e proprio terremoto che colpì l’università di Trento (articoli QUI e QUI). Nell’indagine portata avanti dalla procura seguendo un doppio filone quello degli “appalti spezzatino” e quello sul “doppio lavoro”, le accuse sono pesantissime e vanno dai bandi che sarebbero stati pilotati, agli scambi di favori tra privati e dipendenti dell'Università, fino alla “doppio lavoro”, con doppia retribuzione (articolo QUI).

 

In questi giorni si è concluso il primo round della querelle giudiziaria che riguarda Cacciaguerra: i giudici della Corte dei Conti infatti hanno ritenuto l’imputato colpevole, accogliendo in toto le osservazioni sollevate dall’accusa. Il docente, oggi in pensione, del dipartimento di ingegneria civile ambientale e meccanica dovrà pagare 288.417 euro perché mentre lavorava a tempo pieno come docente all’università, contemporaneamente, avrebbe svolto una serie di incarichi come libero professionista.

 

Secondo l’accusa, sostenuta dal procuratore Marcovalerio Pozzato, tra il 2014 e il 2015 il professore avrebbe ricoperto altri incarichi, anche molto importanti, senza avvisare l’università e percependo sostanziosi compensi. La difesa di Cacciaguerra ha sostenuto al contrario che gli incarichi da libero professionista sarebbero stati portati avanti quando il docente aveva un contratto a tempo determinato, mantenendo successivamente solo degli incarichi formali. Spiegazione che evidentemente non ha convinto i giudici.

 

Nella stessa situazione, ma in attesa della sentenza, ci sono altri due docenti che devono rispondere delle stesse accuse: a Mosé Ricci (QUI aggiornamento), ordinario del dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale, architetto e coordinatore scientifico del tavolo di lavoro del Prg del Comune di Trento vengono contestati 52.782 euro; all’altro docente Giuseppe Scaglione ne vengono invece contestati 302.366 euro. La difesa di Cacciaguerra sembrerebbe intenzionata a fare ricorso in appello.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 January - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 January - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato