Contenuto sponsorizzato

Doppio lavoro, nei guai un altro professore di Unitn: condannato a restituire 52mila euro

Mosè Ricci è stato condannato dalla Corte dei Conti a restituire 52.728 euro. Secondo l’accusa avrebbe agito con dolo cercando di occultare i suoi guadagni da libero professionista, nonostante fosse impegnato a tempo pieno come docente dell’Università di Trento

Pubblicato il - 21 agosto 2020 - 10:20

TRENTO. Dopo la condanna in primo grado di Giorgio Cacciaguerra, che dovrà restituire 288.417 euro, un altro docente dipartimento di ingegneria civile ambientale e meccanica di Trento è finito nel mirino della Corte dei Conti. Infatti, anche Mosè Ricci, architetto e coordinatore scientifico del tavolo di lavoro del Prg del Comune di Trento, è stato ritenuto colpevole di aver svolto degli incarichi come libero professionista nonostante avesse un contratto a tempo pieno con l’Università di Trento.

 

La querelle giudiziaria muove i passi dalle complesse indagini portate avanti dagli inquirenti e “spezzate” in due filoni quello degli “appalti spezzatino” e quello sul “doppio lavoro”, le accuse sono pesantissime e vanno dai bandi che sarebbero stati pilotati, agli scambi di favori tra privati e dipendenti dell'Università, fino alla “doppio lavoro”, con doppia retribuzione (articolo QUI).

 

A tenere le redini dell’accusa è il procuratore regionale Marcovalerio Pozzato, anche in questo caso il docente è stato condannato a restituire una cifra importante: 52.728 euro per la precisione. Somma calcolata in base alle differenze di stipendio fra i regimi di “tempo pieno” e “tempo definito” e per vi dei mancati contributi che Ricci avrebbe dovuto versare all’università.

 

La difesa di Ricci ha respinto con forza le accuse, anche se i giudici sono convinti che l’imputato abbia agito consapevolmente, con dolo, cercando di occultare i suoi guadagni da libero professionista. Ora si attende l’esito del processo che vede coinvolto un terzo docente: Giuseppe Scaglione pure lui finito nei guai per il doppio lavoro, la cifra contestata ammonta a 302.366 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 20:20

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 49 in alta intensità. Sono stati trovati 176 positivi a fronte dell'analisi di 740 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 23,8%

30 novembre - 20:31

Un'operazione un po' diversa rispetto al modello di screening di massa altoatesino, ma comunque un'attività a più ampio raggio per cercare di interrompere il prima possibile eventuali catene di contagio attraverso una serie di test antigenici. E' necessaria l'impegnativa del medico di base per portare effettuare il tampone

30 novembre - 19:37

La proposta è quella degli skipass solo a chi pernotta almeno 1 notte in una struttura oppure le persone che possiedono o mettono in affitto una seconda casa. Dura la Cgil, Stefano Montani: "Ennesima estemporanea uscita di Failoni, una proposta che almeno ha il pregio di far sorridere, magari amaramente, ma pur sempre sorridere. L'assessore in cerca di facile pubblicità la smetta di ragionare da albergatore e inizi a farlo da assessore"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato