Contenuto sponsorizzato

Si perde durante un'escursione e rimane bloccata al buio, salvata grazie ai visori notturni e la localizzazione del cellulare

E' successo ieri sera durante un'escursione in alta Val Pusteria. La donna ha chiesto aiuto e grazie alle tracce lasciate dal cellulare i soccorritori sono riusciti a limitare l'area di ricerca 

Pubblicato il - 21 febbraio 2020 - 11:00

BOLZANO. Visori notturni e le tracce lasciate dal cellulare. Sono stati questi due gli elementi che hanno consentito agli uomini del soccorso alpino di rintracciare una donna che nel tardo pomeriggio di ieri si era persa durante un''escursione in alta Pusteria.

 

L'allarme è stato lanciato dalla donna attorno alle 18.30 senza però riuscire ad indicare con precisione dove si trovava.

 

La chiamata fatta alla centrale di emergenza ha però permesso la localizzazione del suo cellulare permettendo in questo di modo di limitare le ricerche in un'area, quella di Casies.

 

Le ricerche sono partite immediatamente e fortunatamente la donna, prima che il suo cellulare si scaricasse completamente è riuscita a mandare un messaggio nel quale scriveva di essere sulla Via Romana nei pressi di Dobbiaco.
 

Questo ha consentito al Pelikan 2 di circoscrivere ulteriormente la zona e di sorvolarla con i visori notturni. Questo hanno permesso di localizzare la donna che è stata poi tratta in salvo dagli uomini del soccorso alpino.

 

La donna è stato trovata con sintomi di ipotermia. Ad intervenire nell'operazione di soccorso sono stati anche i vigili del fuoco, i carabinieri e la polizia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 19:15

Continuano a salire i contagi e i ricoveri tra le persone che hanno oltre i 70 anni. L'allarme arriva dai dati e dalle analisi fatte dall'azienda sanitaria trentina che mostrano un picco di contagi proprio nei prossimi giorni. Ferro: "Dei 686 morti avuti ne abbiamo più di 600 che sono collegati ad età superiori a 70 anni"

29 ottobre - 18:14

Sono stati analizzati 3.132 tamponi, 173 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi si attesta al 5,5%. In totale ci sono 118 pazienti in ospedale. Tra i nuovi positivi, 59 hanno più di 70 anni

29 ottobre - 18:45

Mentre in Alto Adige Kompatscher si è adeguato alle norme nazionali mettendo in sicurezza i suoi ristoratori ed esercenti per quanto riguarda l'accesso ai contributi (dopo aver preso atto che con meno clienti in circolazione non conveniva restare aperti con i rischi sanitari che ci sono) il Trentino continua con lo scontro con Roma: ''Alle 18.10 noi ancora non abbiamo visto nessuna atto ufficiale di impugnazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato