Contenuto sponsorizzato

Tensione in Piazza della Portela, i carabinieri fermano un giovane che li accusa di averlo colpito. Si crea un assembramento e arrivano vigili e polizia

I fatti si sono svolti intorno alle 14 e le urla di chi era in strada hanno attirato residenti e passanti giunti sul posto e affacciatisi alle finestre. Il giovane è riuscito a uscire dalla macchina dei carabinieri e i militari sono stati circondati da diverse persone di origine straniera che spesso stazionano in zona che hanno cominciato a inveire contro di loro

Di L.P. - 12 gennaio 2020 - 14:43

TRENTO. Momenti di tensione quest'oggi in Piazza della Portela a Trento quando i carabinieri, nel tentativo di fermare un ragazzo, sono stati circondati da diverse persone di origine straniera e, alla fine, hanno dovuto attendere l'arrivo della polizia perché il giovane li avrebbe accusati di averlo colpito e fermato ingiustamente.

 

I fatti si sono svolti poco dopo l'ora di pranzo, intorno alle 14, sulla parte di via Roma che poi va ad innestarsi su via della Propositura, una delle zone storicamente più difficili della città. E si sono svolti sotto gli occhi di tantissime persone, alcune affacciate alle finestre o uscite sui terrazzi per gli schiamazzi e le urla, che hanno attirato l'attenzione. Un ragazzo, evidentemente conosciuto alle forze dell'ordine, sarebbe stato notato dai carabinieri che stavano perlustrando la zona ma una volta accortosi della loro presenza si sarebbe dato alla fuga.

 

Ne sarebbe nato un inseguimento durato alcune decine di metri. Raggiunto dai militari dell'Arma è stato bloccato e caricato in auto ma a quel punto sarebbe riuscito a divincolarsi e uscito dalla macchina, avrebbe accusato i militari di averlo colpito e fermato ingiustamente chiedendo di voler vedere il questore.

 

Nel frattempo attorno alla macchina dei carabinieri si è formato un grosso assembramento di persone e in supporto ai militari sono arrivati gli agenti della polizia locale che hanno tentato di placare gli animi delle persone accorse sul posto che stavano protestando contro i carabinieri.

 

 

In questi frangenti si sono vissuti attimi di tensione, il tutto sotto gli occhi di molti residenti che si sono affacciati dalle finestre o sono scese in strada. Solo l'arrivo della polizia ha sbloccato la situazione di stallo: il giovane è stato caricato nell'auto degli agenti e portato in questura. Fortunatamente poi l'assembramento si è sciolto e la situazione è tornata alla normalità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 18:55

Dopo la grande manifestazione che ha portato 10mila persone in Lessinia in molti riferiscono di un presidente della regione, Luca Zaia, “infuriato” perché tenuto all'oscuro della proposta di legge. Il consigliere Dem Zanoni: “I veneti amano l’ambiente che è un patrimonio di tutti e non sono più disposti a vederlo sacrificato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato