Contenuto sponsorizzato

Urla, insulti e spinte in centro storico. Due gruppi di giovani litigano e si rincorrono e finiscono per entrare in un bar

Il gestore del locale di via Oriola ha dovuto chiamare la polizia perché una quindicina di ragazzi e ragazze erano entrati nel suo bar continuando al litigare all'interno

Pubblicato il - 24 febbraio 2020 - 20:08

TRENTO. Momenti di tensione questa sera in pieno centro storico a Trento. Due gruppi di ragazzi, infatti, hanno cominciato a litigare e dopo essersi rincorsi e scontrati in strada, all'altezza di via Oriola, alcuni sono anche entrati nel locale della zona costringendo il gestore a chiamare le forze dell'ordine. Secondo le prime ricostruzioni la rissa sarebbe scoppiata per futili ragioni.

 

Due gruppi di ragazzi in età da liceo, o poco più grandi, che hanno alzato le mani e tra urla e minacce, intorno alle 19.45, si sono rifugiati nel Bar Bellavita di via Oriola. I giovani, in chiaro stato di agitazione, si sono ammassati all'interno del locale e hanno cominciato a litigare anche lì.

 

Il gestore a quel punto ha cominciato a gridare loro di andarsene ma questi non ne volevano sapere e intanto, continuando ad urlarsi contro, sono volate le spinte e gli insulti. A quel punto il gestore ha chiamato le forze dell'ordine che sono arrivate subito sul posto. 

 

La polizia ha fatto uscire dal locale i giovani e ha separato le due fazioni chiedendo spiegazioni per cercare di capire cosa fosse successo. Nel frattempo si sono sedati gli animi ed è tornata la calma il tutto davanti a passanti straniti per la complicata situazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 aprile - 20:45

A Bolzano i laboratori nelle ultime 24 ore hanno esaminato 941 tamponi e 59 sono risultati positivi, mentre in Trentino 125 contagi su 800 tamponi. Ruscitti: "Scontiamo anche che l'incidenza della popolazione anziana è maggiore rispetto a altre zone"

07 aprile - 21:24

E' grande il cordoglio per la scomparsa di un punto di riferimento per il settore, in particolare per i minori e le persone più fragili. E' stata primario, quando le donne al vertice erano ancora poche. Roberta Bommassar: "Ha messo una parola autorevole alla nascita dell’Unità operativa di psicologia, ha investito idee e energia in importanti progetti per i minori e per le persone fragili"

07 aprile - 19:45

Le vittime sono 9 donne e 5 uomini. Un numero ancora molto alto di contagi con altre 14 vittime sul territorio provinciale per un totale di 244 decessi con Covid-19. Sono 342 i pazienti guariti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato