Contenuto sponsorizzato

Tragedia in via Maccani, si schianta contro l'autobus. Michele è morto sotto gli occhi del fratello

Terribile incidente ieri all'altezza dell'Eni di via Maccani. Michele Braidic, 39 anni, si è schiantato frontalmente contro l'autobus numero 8. Per lui, purtroppo, inutili i tentativi di rianimazione

Pubblicato il - 01 marzo 2020 - 08:10

TRENTO. Si chiama Michele Braidic di 39 anni l'uomo che nel tardo pomeriggio di ieri è rimasto vittima di un incidente in via Maccani a Trento. Con la sua macchina, dopo essersi immesso sulla via, è finito per schiantarsi contro un autobus urbano.

 

La tragedia si è consumata attorno alle 17 all'altezza del distributore Eni. Braidic era a bordo della propria macchina verso corso degli Alpini quando ad un certo punto è finito frontalmente contro l'autobus numero 8. Un impatto violentissimo tanto che il veicolo è stato sbalzato a lato della carreggiata.

 

A poca distanza, con un'altra auto, c'era anche il fratello di Braidic che dopo aver visto quello che è successo è immediatamente corso a soccorrerlo. Sul posto si sono portate immediatamente tre ambulanze i vigili del fuoco di Trento e due pattuglie della polizia locale. Michele è stato estratto dalle lamiere dell'auto andata gran parte distrutta ed è stato sottoposto a massaggio cardiaco. A nulla, però, sono valsi i tentativi di rianimazione.

 

A finire in ospedale anche tre feriti che si trovavano sull'autobus e al momento dell'impatto hanno subito dei traumi. Al Santa chiara, a causa dello shock anche l'autista.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 16:08

Sono circa una cinquantina i depuratori sul territorio altoatesino e la Provincia ha scelto 9 impianti per questo monitoraggio tra dimensione, punto geografico e tipo di utenza e il territorio è stato diviso in altrettante sezioni: Bolzano, Termeno, Pontives, Media Venosta, Bressanone, Wipptal, Tobl-Brunico e Wasserfeld. Un progetto con il coordinamento dell'Istituto superiore di sanità

30 ottobre - 16:39

Chi arriva in Germania dal nostro Paese, dovrà sottoporsi a tampone oppure a quarantena. L'Austria potenzierà i controlli, anche con le autorità sanitarie, ai valichi di confine con Italia e Slovenia

30 ottobre - 13:09

L'assessore Widmann: "In due settimane la situazione è completamente cambiata. Si deve considerare che per ogni positivo in media ci sono tra i 20 e i 30 contatti: 350 infezioni significa circa 10 mila contatti e diventa necessario variare strategia perché è impossibile rintracciare tutti". L'ordinanza valida da sabato 31 ottobre

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato