Contenuto sponsorizzato

Una città sempre più smart: via libera ai veicoli elettrici per la consegna delle merci

Il progetto "Logistica dell'ultimo miglio", inserito in un programma europeo per soluzioni innovative, libererà il centro storico dal traffico della consegna merci, delegando il servizio a veicoli elettrici che fanno la spola tra l'Interporto e degli hub limitrofi cuore della città

Di Davide Leveghi - 05 marzo 2020 - 12:03

TRENTO. Via libera alla nuova gestione della consegna merci a Trento. A deciderlo è stato il Consiglio comunale del capoluogo, che con l'approvazione del servizio “Logistica dell'ultimo miglio”, introdurrà una modalità innovativa per consegnare i “pacchi” all'interno della zona a traffico limitato del centro città.

 

Veicoli elettrici si muoveranno così tra l'hub centrale collocato all'Interporto, partner dell'iniziativa, e la ztl cittadina, nel quadro del progetto europeo Stardust (qui e qui i link), percorso che punta a creare una costellazione di “isole d'innovazione” tra diverse smart cities del continente, tra cui Tampere in Finlandia e Pamplona in Spagna.

 

La “Logistica dell'ultimo miglio” prevede la realizzazione di diversi centri di raccolta delle merci sul territorio (gli “hub”, appunto), di cui uno centrale all'Interporto e altri più piccoli limitrofi al centro storico. Le consegne dagli hub alla ztl avverranno con veicoli elettrici dedicati che potranno garantire orari e modalità più in linea con le esigenze di cittadini e operatori economici del centro.

 

Per lo sviluppo del progetto, il Comune di Trento e Eurac Research, con la collaborazione di Trentino Mobilità, hanno analizzato negli scorsi mesi le migliori pratiche implementate in altre città italiane (ad esempio Padova) e raccolto le opinioni degli stakeholders locali, tra cui associazioni di categoria, imprese di spedizione e trasporto. In virtù della votazione del Consiglio, pertanto, la gestione del nuovo servizio è stata affidata a Trentino Mobilità.

 

L'obiettivo del progetto è quello di aumentare la vivibilità della città di Trento, riducendo il numero di accessi di automezzi nel centro storico, dunque del traffico e dell'inquinamento acustico e dell'aria. Il servizio, inoltre, sarà ottimizzato e adeguato alle esigenze degli operatori economici seguendo le indicazioni emerse e che emergeranno in futuro negli incontri stabilite dal Comune e dalle associazioni di categoria.

 

Inserito come detto nel programma Stardust, “Logistica dell'ultimo miglio” riceverà i fondi del progetto europeo Horizon 2020. Avviato nel 2017, Stardust porterà in cinque anni il capoluogo trentino a divenire modello europeo di smart city: altamente efficiente, intelligente grazie all'implementazione di nuove tecnologie e orientata ai bisogni dei cittadini. Gli interventi previsti per ciò comprenderanno i settori della mobilità elettrica, dei sistemi Ict (tecnologie dell'informazione e della comunicazione), dell'efficienza energetica degli edifici.

 

Finanziato dall'Unione europea, il progetto punta a rendere Trento sempre di più un motore di sviluppo economico per il territorio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato