Contenuto sponsorizzato

Violenze fisiche e psicologiche al punto da “renderle avvilente e dolorosa la vita quotidiana”. Esasperata dai continui maltrattamenti denuncia il compagno e lo fa arrestare

Il 56enne da tempo tormentava la compagna arrivando in più di un’occasione a minacciare di morte la donna, mentre in altre circostanze l’aggrediva con percosse e spintoni. Quando i carabinieri si sono presentati a casa dell’uomo, lui ha dato in escandescenza

Pubblicato il - 18 ottobre 2020 - 09:14

GARDA. È un brutto caso di maltrattamenti in famiglia quello rilevato dai carabinieri di Bardolino che nelle serata del 16 ottobre scorso sono intervenuti per mettere le manette a un 56enne residente a Garda. Il provvedimento è stato emesso a seguito della denuncia sporta dalla convivente dell’uomo esasperata dalla continue violenze, sia fisiche che psicologiche. Dopo l’ennesimo episodio la donna si è decisa a denunciare con i carabinieri che hanno attivato immediatamente il protocollo per il cosiddetto “Codice Rosso”.

 

Stando a quanto riferito dalla vittima, gli episodi violenti si manifestavano soprattutto quando il 56enne assumeva sostanze stupefacenti o abusava di alcol. Una condotta che in molti casi sfociava in minacce morte e insulti di vario genere, ma anche percosse e spintoni al punto da “renderle avvilente e dolorosa la quotidiana vita”, come precisato nell’Ordinanza di custodia cautelare.

Ad ogni modo i militari hanno attivato la procedura prevista in queste circostanze, provvedendo prima a collocare la donna in una struttura protetta e poi eseguendo tutti gli accertamenti del caso, utili per raccogliere eventuali prove che confermassero la versione della vittima.

 

“Il quadro indiziario a carico dell’arrestato ricostruito – si legge nel comunicato dei carabinieri – considerato il carattere violento emerso e la gravità delle azioni commesse in danno della vittima, è stato pienamente condiviso dall’Autorità giudiziaria che ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico del 56enne”.

Il carattere dell’uomo, definito dai militari arrogante e violento, si è manifestato anche nel momento in cui quest’ultimi si sono presentati per arrestarlo. Il 56enne infatti, prima si è rifiutato di seguire i militari, dopodiché ha dato in escandescenza iniziando a spaccare mobili e tutto ciò che gli capitava fra le mani. L’uomo è comunque stato bloccato e reso inoffensivo , dopodiché è stato associato al carcere di casa circondariale di Verona Montorio.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 dicembre - 19:35
Questa la situazione rispetto ai parametri nazionali per la zona gialla: l'occupazione delle terapie intensive è al 9% (il tetto fissato per [...]
Politica
05 dicembre - 19:01
Sui social il presidente della Provincia con tanto di logo della Pat ha comunicato di aver ottenuto una qualche deroga al super (mai stato in [...]
Cronaca
05 dicembre - 18:17
Sull'Altopiano dei Sette Comuni la neve sta cadendo abbondante in queste ore e sulle strade sono già diversi i veicoli in difficoltà a causa [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato