Contenuto sponsorizzato

Addio a ''Matiu'', trovato senza vita in un edificio abbandonato: ''Dolore immenso, non si può morire di freddo''

Senzatetto da diverso tempo aveva trovato riparo in un edificio abbandonato ma il freddo di queste notti non l'ha risparmiato. E' morto per ipotermia, i rilievi effettuati dai Carabinieri di Rovereto 

foto archivio
foto archivio
Pubblicato il - 23 January 2021 - 08:05

ROVERETO. “Matiu” veniva chiamato così, da chi lo conosceva, l'uomo di 57 anni che all'inizio di questa settimana è stato trovato senza vita in uno stabile abbandonato, l'ex macello che si trova verso Mori Stazione.

 

Ieri pomeriggio sono arrivate le analisi e la conferma che il decesso è stato causato da ipotermia. Senzatetto da ormai diverso tempo, solo, aveva cercato di trovare un luogo dove ripararsi dal freddo durante queste notti. Un freddo che però, purtroppo, non l'ha risparmiato.

 

Lo conoscevano in molti, girava per strada e in alcune occasioni aveva anche trovato appoggio alla Casa dell'accoglienza “Il Portico”. “L'ho visto l'ultima volta mentre stava portando del caffè caldo ad un amico che come lui dormiva all'addiaccio. Non è accettabile che si possa morire di freddo in questo modo” ci dice una volontaria della Caritas.

 

Non era riuscito ad entrare nel circuito dei servizi sociali. Come lui sono tantissimi quelli che si trovano a dormire all'aperto e che, purtroppo, da un lato non vengono intercettati dalle associazioni e dalle istituzioni e dall'altro in alcuni casi si vergognano nel chiedere aiuto.

 

Come “Matiu” sono davvero tante le persone che ancora oggi sul nostro territorio dormono al freddo. Persone spesso sole che non hanno nulla, che magari con la pandemia hanno perso quel poco che avevano e che sono costrette a stare in strada. Le strutture per l'accoglienza ci sono ma i posti a disposizione non riescono a rispondere a tutte le richieste di aiuto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 March - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

08 March - 12:27

L'analisi successiva dei fatti da parte delle forze dell'ordine ha lasciato emergere la brutale ipotesi, che tutto ciò sia stato determinato da un respingimento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato