Contenuto sponsorizzato

Al dirigente della Pat Ruscitti un nuovo incarico: Fugatti lo nomina del cda di Sanifonds

Ad ufficializzare la decisione una nota del presidente Fugatti nella quale spiega di aver scelto il dirigente del Dipartimento salute per le sue "robuste competenze". La decisione era già stata criticata dal consigliere di Fratelli d'Italia Claudio Cia 

Di Giuseppe Fin - 31 July 2021 - 16:18

TRENTO. E' arrivata il 29 luglio la nota del presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, per ufficializzare la decisione presa l'8 giugno scorso di designare il dirigente del Dipartimento Salute, Giancarlo Ruscitti, quale rappresentante della Provincia di Trento, nel Consiglio di amministrazione di Sanifonds Trentino.

 

L'ente è un fondo sanitario integrativo che è stato costituito nel 2013: gli attuali Soci sono Provincia Autonoma di Trento, Associazione artigiani e piccole imprese della provincia di Trento, Associazione albergatori e imprese turistiche, Confcommercio, Confesercenti, Cooperazione Trentina, Confindustria, Cgil del Trentino, Usr Cisl del Trentino, Uil di Trento e Cispel-Federservizi Trentino-Alto Adige.

 

La nomina di Ruscitti, viene spiegato nella nota a firma del presidente Fugatti, trova motivazione in particolare nelle “robuste competenze possedute dal dottor Ruscitti in ambito sanitario e per le molteplici cariche, incarichi ed esperienze maturati/e anche in altre realtà italiane e internazionali, tali da permettere di rappresentare al meglio le scelte strategiche della Provincia finalizzate fra l'altro a garantire sostenibilità futura del sistema sanitario Trentino”.

 

 

Un ulteriore incarico per il dirigente il cui ruolo era già in passato finito tra i temi discussi in Consiglio provinciale. Nello specifico si fa riferimento alla firma di una delibera da parte del presidente Maurizio Fugatti con cui Ruscitti si vedeva attribuire “temporaneamente” il compito di dirigente del Servizio politiche sanitarie, con tanto di “integrazione della retribuzione di posizione nella misura pari al 40% della retribuzione di posizione prevista per la struttura di temporanea preposizione”. Una situazione che aveva fatto discutere. (QUI L'ARTICOLO)

 

La scelta di far ricadere su Ruscitti un ulteriore incarico, fra l'altro, era stata nei mesi scorsi criticata anche dal consigliere provinciale di Fratelli d'Italia, Claudio Cia, che già nel momento in cui in Prima Commissione erano approdati alcuni nominativi per delle nomine, tra le quali proprio quella nel Cda di Sanifond, aveva espresso le proprie titubanze su Ruscitti visto i ruoli e gli incarichi di peso e impegnativi che già deteneva e detiene.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 settembre - 06:01
Il rifugio Filzi sul Finonchio ha chiuso la scorsa settimana la stagione estiva ed ora proseguirà, tempo permettendo, le aperture nei weekend. I [...]
Cronaca
28 settembre - 08:14
Misure meno stringenti sia per il mondo della cultura che in quello dello sport. Fondamentale rimane avere il Green pass e massima attenzione anche [...]
Cronaca
28 settembre - 08:28
L'epicentro è nella provincia di Treviso e il sisma è stato avvertito anche nei territori vicini. Le prime due scosse sono state avvertiti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato