Contenuto sponsorizzato

Ancora un cervo braccato da un cane lasciato libero, l'ungulato crolla a terra sfinito. La polizia: ''Rintracciato il proprietario, rischia una multa da centinaia di euro''

Un inseguimento di svariati metri, poi l'ungulato è crollato sulla neve, spossato dalla fuga. In azione gli agenti della polizia locale val di Fassa e il corpo forestale. Il comandante Gianluca Ruggiero: "E' importante rispettare le norme per evitare naturalmente guai ma anche per salvaguardare la fauna"

Di L.A. - 20 febbraio 2021 - 17:14

MOENA. Un cane lasciato libero ha inseguito un cervo, che è crollato a terra stremato dalla fatica. L'episodio è avvenuto alle porte di Moena in val di Fassa.

 

Una vicenda simile è successa nei giorni scorsi tra Trentino e Veneto: due cani domestici hanno aggredito un cervo all'altezza dell'area sciistica Guargnè a Cortina d'Ampezzo (Qui articolo e video), mentre a Vallonga di San Giovanni di Fassa altri due cani si erano lanciati all'inseguimento di un muflone (Qui articolo).

 

In questo caso i fatti si sono svolti nelle vicinanze del campo sportivo a inizio paese. In questo periodo della stagione, con la presenza della neve anche a quote più basse, gli ungulati sono in difficoltà. 

 

Non è raro che questi animali si spingano nelle vicinanze dei centri abitati per trovare cibo. Un cane è stato lasciato libero per la passeggiata, il quale ha fiutato il cervo e così è sfuggito dal controllo del proprietario.

 

Un inseguimento di svariati metri, poi l'ungulato è crollato sulla neve, spossato dalla fuga. Immediatamente è stato lanciato l'allarme e sul posto si sono portati gli agenti della polizia locale val di Fassa e il corpo forestale provinciale. 

 

Sono subito stati avviati gli approfondimenti per risalire al proprietario dell'animale. "Sono in corso tutti gli accertamenti del caso e abbiamo già individuato la persone che ha lasciato libero il cane. La sanzione amministrativa - dice Gianluca Ruggiero, comandante della polizia locale val di Fassa - arriva fino a 150 euro più altre eventuali multe, c'è infatti anche un'ordinanza del sindaco che obbliga a condurre il proprio animale con il guinzaglio".

 

Intanto l'ungulato è stato affidato alle cure del personale forestale e veterinario. "Gli operatori - aggiunge il comandante - sono come sempre molto professionali e sono attivi per riuscire a salvare l'animale. E' stato portato del fieno ma è molto provato in quanto ha percorso in pochi minuti quei passi che solitamente effettua in un mese. Ci sono però dubbi sul fatto che riesca a sopravvivere". 

 

Il cervo è stanchissimo e potrebbe, infatti, non superare la notte. "In questo momento questi animali sono in forte difficoltà perché sono a corto di energie e cibo in questo periodo invernale. E' importante rispettare le norme per evitare naturalmente guai ma anche per salvaguardare la fauna, ricordiamo inoltre che ci sono apposite leggi provinciali che regolano la materia", conclude Ruggiero.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 dicembre - 05:01
Tra le richieste di alcuni genitori vi è la reintroduzione delle 'bolle' già usate in pandemia o un ridimensionamento del numero dei gruppi [...]
Cronaca
04 dicembre - 19:40
Mentre restano stabili i ricoveri e non si segnalano decessi cresce il contagio in provincia. A Trento ci sono 42 nuovi positivi, a Rovereto e [...]
Cronaca
04 dicembre - 20:37
Si sono ritrovati come ogni sabato in piazza Dante, dove nel pomeriggio hanno disturbato il traffico sulle strisce pedonali che conducono alla [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato