Contenuto sponsorizzato

Lascia il cane senza guinzaglio e l'animale insegue e uccide una capriola gravida lungo un sentiero

E' successo sul territorio di Valli del Pasubio, ad intervenire è anche il sindaco che ha ribadito l'obbligo per i proprietari di tenere al guinzaglio i cani 

Pubblicato il - 11 May 2021 - 12:26

VICENZA. Ha azzannato una capriola gravida e per lei, purtroppo, non ce stato nulla da fare. E' successo in un sentiero di Valle del Pasubio e a rendersi protagonista dell'episodio è stato un cane lasciato libero dal proprietario.

 

Il cane, senza guinzaglio e probabilmente allontanatosi dal proprio padrone, si trovava lungo il sentiero “La via dell’acqua”. Ad un certo punto, però, ha visto una capriola e ha iniziato a rincorrerla. Purtroppo ad avere la meglio è stato il cane che l'ha azzannata e uccisa.

 

A renderlo noto è il Comune attraverso un comunicato stampa, ribadendo la necessità, anzi, l’obbligo, di tenere al guinzaglio i cani. I segni lasciati sulla carcassa, è stato poi spiegato,  hanno permesso agli esperti di escludere che vi sia stato un attacco del lupo.

 

Sull'episodio è intervenuto il Comune di Valli del Pasubio con una nota. Il sentiero, dove è avvenuto il fatto, è frequentato da famiglie e bambini. “Invito tutti i proprietari al rispetto dell’ordinanza comunale che prevede di mantenere i cani al guinzaglio lungo tutti i sentieri. Ricordo altresì che la fauna è un bene indisponibile dello stato, e che il suo danneggiamento è punito a norma di legge” ha spiegato il sindaco.

 

“Anche i cani di piccola taglia – continua in una nota il Comune - se lasciati liberi possono essere molto pericolosi per gli animali selvatici. Per il cane è inevitabile essere attirato sia dall’odore della fauna che dai movimenti furtivi e improvvisi degli animali che si possono incontrare nei boschi di Valli del Pasubio”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 6 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
07 agosto - 20:26
L'assessore del capoluogo bolzanino Stefano Fattor spiega a il Dolomiti qual è il reale impatto, in termini di immissioni, dell'impianto sulla [...]
Cronaca
07 agosto - 20:46
La produzione tardiva delle ciliegie di montagna arrivava in un momento dell’anno in cui le altre ciliegie erano praticamente esaurite. Questo [...]
Cronaca
07 agosto - 19:41
Si va verso la completa normalizzazione in val di Fassa a seguito del violentissimo nubifragio di venerdì. Continuano le operazioni di messa in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato