Contenuto sponsorizzato

Chiamare la Guardia medica o avere informazioni sanitarie, parte in Trentino il numero unico 116.117. E' il secondo territorio in Italia ad adottarlo

Sarà attivo dalle ore 20 di oggi, 29 giugno. Il responsabile Ventura: ''In meno di un anno abbiamo creato una struttura importante capace di dare risposte veloci al cittadino''. Benetollo: "Il Trentino è la seconda zona dopo la Lombardia ad attivare questo servizio''

 

Di Giuseppe Fin - 28 giugno 2021 - 18:14

TRENTO. A partire dalle 20 di questa sera in Trentino sarà operativo il numero unico 116.117. Si tratta di un numero importante che i trentini potranno utilizzare per l'accesso alle cure mediche non urgenti e ad altri servizi della sanità trentina.

 

Le chiamate a questo numero sono gratuite sia da telefono fisso che mobile e il Trentino è il secondo territorio, dopo la Lombardia, a partire con questo nuovo progetto. Il 116.117 è attivo su tutto il territorio, per quanto riguarda il Primiero, zona di confine con il Veneto dove il servizio non è ancora partito, sarà funzionante il numero verde 800.016017 mentre per quanto riguarda le zone al confine con la Lombardia si è deciso di accordarsi per un trasferimento di chiamata.


“E' un passaggio importante – ha spiegato il direttore generale Pier Paolo Benetollo – perché punta ad una migliore organizzazione anche dal punto di vista qualitativo. Oggi in Trentino a seconda della zona in cui ci si trova bisogna fare un numero specifico per contattare la guardia medica . Da domani sera alle ore 20 si potrà fare solo il numero 116.117”.

 

 

Ci sarà ovviamente una fase di transizione per consentire alla cittadinanza di prendere confidenza con il numero. A cambiare, però, è un intero sistema organizzativo. “Mentre prima chiamavi la singola guardia medica – spiega Benetollo - adesso a questo numero verde rispondono degli operatori formati che dopo una minima valutazione indirizzeranno al persona al medico di continuità assistenziale. Uno sforzo importante sia organizzativo che di coinvolgimento del personale”.

 

L'ORGANIZZAZIONE

Il nuovo numero 116.117, come già detto, deriva da una normativa europea. In Trentino il nuovo sistema è stato recepito con una delibera del luglio 2020 e nell'arco di meno di un anno si è riusciti a creare l'intera struttura. “Trentino Emergenza – ha spiegato il direttore Giorgio Folgheraiter – ha messo in campo l'aspetto tecnologico e funzionale per creare la struttura organizzativa con uno scambio di informazione che porterà a diversi miglioramenti”.

 

Il personale che verrà occupato per questo nuovo numero unico è di 19 unità, undici delle quali sono nuovi assunti mentre altri otto erano già presenti e si occupavano dei trasporti sanitari programmati. Accanto a questi ci sono poi circa 110 guardie mediche e fondamentale è anche il rapporto di collaborazione che è creato tra questi professionisti con gli operatori del numero unico 116.117.

 

L'insieme di tutto il sistema tecnologico messo in campo ha comportato un costo di 650 euro. E' di circa 800 mila euro, invece, il budget per il personale.

 

IL FUNZIONAMENTO

I responsabili del nuovo numero unico 116.117 sono Giorgio Folgheraiter, Roberta Levato e Andrea Ventura.

Sono tre i principali punti di questo servizio. Il primo riguarda la continuità assistenziale (Guardia medica) che sarà il punto cardine. Oltre a questo ci sarà anche la gestione centralizzata dei trasporti sanitari programmati. “L'utente – ha spiegato il responsabile del servizio, il dottor Andrea Ventura, che avrà bisogno di prenotare un'ambulanza per situazioni non urgenti dovrà fare il numero 116.117 e la sua chiamata sarà gestita”.

Un altro grosso aspetto sarà quello delle informazioni sanitarie che si potranno avere con questo numero a partire dalla Guardia medica turistica oppure quelle riferite all'accesso al proprio medico come gli orari o i contatti. Sempre sul versante delle informazioni in futuro il numero unico 116.117 possa diventare l'unico punto di accesso per i servizi dell'Apss.

 

 

“Da domani – ha spiegato Ventura - sicuramente la continuità assistenziale è quella che avrà un cambiamento maggiore. L'utente ha un numero unico e non dovrà cercare su internet ma basterà chiamare il 116.117. Risponderà un operatore laico, cioè non con formazione sanitaria ma istruito da Trentino Emergenza, che prenderà in carico la chiamata anche se il medico è impegnato. Verranno raccolti dei dati e verranno anche fatte delle domande. Il tutto permetterà di ottimizzare il servizio”.

 

Il vantaggio di tutto questa struttura deriva dall'integrazione di Trentino Emergenza e quindi la possibilità per trasferire la chiamata alla centrale Unica di Emergenza in caso serva con la condivisione delle informazioni. Gli operatori impegnato nel nuovo numero unico hanno anche svolto un periodo di affiancamento nella centrale operativa integrata a Milano attivata nel 2020.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 dicembre - 05:01
Tra le richieste di alcuni genitori vi è la reintroduzione delle 'bolle' già usate in pandemia o un ridimensionamento del numero dei gruppi [...]
Cronaca
04 dicembre - 19:40
Mentre restano stabili i ricoveri e non si segnalano decessi cresce il contagio in provincia. A Trento ci sono 42 nuovi positivi, a Rovereto e [...]
Cronaca
04 dicembre - 20:37
Si sono ritrovati come ogni sabato in piazza Dante, dove nel pomeriggio hanno disturbato il traffico sulle strisce pedonali che conducono alla [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato