Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, obbligo vaccinale per sanitari, medici e farmacisti: per chi non si vaccina demansionamento e sospensione dello stipendio

Scatta la vaccinazione obbligatoria per sanitari, medici e farmacisti, per chi non adempie all’obbligo è prevista l’assegnazione a una mansione diversa o la sospensione, con il blocco dello stipendio. Il Governo: “La vaccinazione costituisce requisito essenziale all’esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative”

Di Tiziano Grottolo - 01 aprile 2021 - 11:06

ROMA. “Le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, farmacie, parafarmacie e studi professionali sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell’infezione da SARS-CoV-2”. Questo il testo contenuto nel nuovo decreto sottoscritto dal Consiglio dei ministri presieduto da Mario Draghi. La misura rimarrà in vigore fino alla fine dell’emergenza sanitaria e comunque non oltre il 31 dicembre 2021 “al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza gli esercenti”.

 

Come spiega il decreto: “La vaccinazione costituisce requisito essenziale all’esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative rese dai soggetti obbligati”. Nei prossimi giorni il Governo pretende di avere gli elenchi aggiornati degli iscritti a ciascun ordine professionale. Se i sanitari non si sottopongono al vaccino scatterà la “sospensione al diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da SARS-CoV-2”.

 

Dopodiché il datore di lavoro dovrà adibire il lavoratore, laddove possibile, a mansioni, anche inferiori, diverse e che non implicano rischi di diffusione del contagio. Lo stipendio sarà percepito in base alla nuova mansione. “Quando l’assegnazione a diverse mansioni non è possibile, per il periodo di sospensione, non è dovuta la retribuzione, altro compenso o emolumento, comunque denominato. La sospensione, mantiene efficacia fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale o, in mancanza, fino al completamento del piano vaccinale nazionale e comunque non oltre il 31 dicembre 2021”.

 

Infine il decreto introduce uno “scudo penale” per i fatti “verificatisi a causa della somministrazione di un vaccino per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2, effettuata nel corso della campagna vaccinale straordinaria”. In sostanza varrà per chi somministra i vaccini e sarà valido per i reati di omicidio colposo e lesioni personali colpose. Il provvedimento specifica inoltre che “la punibilità è esclusa quando l’uso del vaccino è conforme alle indicazioni contenute nel provvedimento di autorizzazione all’immissione in commercio emesso dalle competenti autorità e alle circolari pubblicate sul sito istituzionale del Ministero della salute relative alle attività di vaccinazione”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 settembre - 23:11
L'uomo è stato trovato ormai senza vita dai soccorritori dopo l'allarme lanciato dai familiari per un mancato rientro a casa. L'incidente è [...]
Cronaca
23 settembre - 19:36
Trovati 36 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 18 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui [...]
Cronaca
23 settembre - 19:02
Un minuto dopo il decollo da Folgaria si è verificato un guasto meccanico che ha determinato il distacco del portellone laterale destro. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato