Contenuto sponsorizzato

La valanga in val dei Mocheni si è divisa in tre rami per arrivare al sentiero 800 metri più in basso. Non ci sono coinvolti ma si controllano le targhe delle auto

Sono state ore di grande lavoro e pressione per la macchina dei soccorsi. In mezz'ora si sono verificate due valanghe in Trentino, la prima si è staccata in val di Fiemme e non ci sono escursionisti coinvolti; il secondo evento è avvenuto a mezzogiorno nell'area di cima Hoamonder: anche in questo caso non sembrano esserci persone coinvolte ma si verificano anche le targhe al parcheggio

Di L.A. - 05 January 2021 - 16:24

PALU' DEL FERSINA. Anche in val dei Mocheni fortunatamente non ci sarebbero persone coinvolte nella valanga. Il soccorso alpino ha terminato le operazioni di bonifica, mentre i carabinieri sono in fase conclusiva della verifica delle targhe parcheggiate a valle a Palù del Fersina.

 

Sono state ore di grande lavoro e pressione per la macchina dei soccorsi. In mezz'ora si sono verificate due valanghe in Trentino, la prima si è staccata verso le 11.30 in val di Fiemme e non ci sono escursionisti coinvolti (Qui articolo); il secondo evento è avvenuto a mezzogiorno nell'area di cima Hoamonder (Qui articolo).

Il distacco è avvenuto sul versante rivolto verso Palù del Fersina, poco sotto la cima. La valanga si è suddivisa in tre rami differenti con una lunghezza che ha raggiunto anche gli 800 metri. E' stato interessato dall'evento anche il sentiero che porta al rifugio Sette Selle

 

A lanciare l'allarme alcuni scialpinisti che si trovavano nelle vicinanze del rifugio e che hanno visto scendere la valanga. Anche in questo caso sono entrate in azione equipe medica e unità del soccorso alpino.

Per escludere la presenza di persone travolte, sul posto si è portato un elicottero che ha trasferito in quota l'unità cinofila del soccorso alpino di turno al nucleo elicotteri e una decina di operatori delle Stazioni di Pergine e Levico.

 

La bonifica della valanga, effettuata con il cane, con il dispositivo Recco, con l'Artva e sondaggi, si è conclusa verso le 14.20: nessuna persona sembra essere rimasta sepolta. I carabinieri procedono con la verifica delle targhe dei veicoli parcheggiati a valle a Palù del Fersina. Hanno partecipato alle operazioni anche i vigili del fuoco di zona. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

28 January - 09:58

Sul rientro in Italia lo zio Gianni Forti spiega: "Chico è in carcere da oltre 20 anni e una condanna simile come quella che ha avuto lui non c'è in Italia. E' una situazione abbastanza fumosa”

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato