Contenuto sponsorizzato

Uffici comunali in via San Giovanni Bosco: aperto il cantiere 'Santa Chiara Open Lab'. Ianeselli: “Risparmio di 730mila euro l'anno sugli affitti”

L'intervento di ristrutturazione dell'edificio pubblico un tempo occupato dalla Civica casa di riposo durerà fino all'inizio del 2024 ed è inserito nel più ampio progetto di rigenerazione urbana “Santa Chiara Open Lab”, attraverso il quale l'Amministrazione comunale sta riqualificando l'intero isolato che si sviluppa intorno all'omonimo parco

 

Pubblicato il - 02 August 2021 - 18:52

TRENTO. Uffici comunali in via San Giovanni Bosco, entro gennaio del 2024 saranno ultimati i lavori di ristrutturazione dell'ex Civica casa di riposo, Ianeselli: “Risparmieremo circa 730 mila euro all'anno sugli affitti”. Aperto quindi il cantiere del comparto del “Santa Chiara Open Lab”, attraverso il quale l'Amministrazione comunale sta riqualificando l'intero isolato che si sviluppa intorno all'omonimo parco.

Presentando l'intervento insieme al dirigente del servizio Edilizia pubblica Giuliano Franzoi, il sindaco Franco Ianeselli ha voluto ringraziare la Giunta precedente: “Questa è un'opera che è stata messa in cantiere dal sindaco Alessandro Andreatta e dall'allora assessore ai Lavori pubblici Italo Gilmozzi. Li dobbiamo ringraziare per aver pensato a quest'intervento, che non solo è finanziato dallo Stato ma in futuro ci farà risparmiare ogni anno la consistente cifra di 730 mila euro sugli affitti degli uffici comunali. Nelle nostre intenzioni, questo sarà solo uno degli interventi di rigenerazione urbana. Siamo in attesa per esempio dell'esito di un bando a cui abbiamo partecipato per la riqualificazione dell'area dell'ex Sit. E poi dovremo ripensare l'areale liberato dal grande progetto integrato legato alla circonvallazione ferroviaria”.

 

Per la realizzazione del “Santa Chiara Open Lab” l'Amministrazione comunale ha ottenuto un finanziamento dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, grazie al “Bando periferie”, per un importo di 18 milioni di euro e a copertura totale della spesa. Il progetto prevede un ampio programma di rigenerazione urbana che si traduce in azioni differenziate e articolate in 8 moduli funzionali, di cui uno con costi interamente a carico del proponente privato e uno con una compartecipazione ai costi da parte del privato, fruibili autonomamente ed integrati fra loro in un piano unitario.

L'intervento in via San Giovanni Bosco permetterà di adeguare l'edificio alla nuova destinazione d'uso di sede degli uffici tecnici comunali, attualmente al “Top Center” in via del Brennero, in spazi di proprietà privata. Il trasferimento degli uffici tecnici nell'immobile di via San Giovanni Bosco consentirà dunque di raggiungere il doppio obiettivo di riqualificare un edificio di proprietà pubblica e di rientrare nella disponibilità dell'importo annualmente impegnato per il pagamento del canone di affitto dell'attuale sede degli uffici (appunto, circa 730 mila euro all'anno). Il progetto prevede la realizzazione di un edificio rispondente alle vigenti norme in materia di sicurezza e risparmio energetico, con riferimento ai più elevati standard attuali in materia di comfort e sostenibilità ambientale. La ristrutturazione dell'edificio sarà integrale, con il mantenimento della sola struttura (che verrà adeguata dal punto di vista antisismico) e la sostituzione di tutte le partizioni verticali e di tutti gli impianti. L'importo complessivo dell'opera, interamente finanziata dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, è di 12,5 milioni di euro e la durata dei lavori è di 895 giorni.

 

Il Progetto di rigenerazione urbana “Santa Chiara open Lab”, fa sapere l'Amministrazione del capoluogo, prevede un investimento complessivo di 41 milioni di euro, di cui 18 milioni finanziati dalla presidenza del Consiglio dei Ministri e 23 milioni a carico di privati. I moduli funzionali sono i seguenti.

 

1. Ristrutturazione ex casa di riposo: nuova sede uffici tecnici comunali - importo di progetto 12 milioni e 500 mila euro

2. Restauro edificio Ex mensa Santa Chiara – importo di progetto: 2 milioni e 500 mila euro.

3. Ristrutturazione edificio Ex sede degli uffici della Civica di Trento – importo di progetto: 1 milione e 200 mila euro.

4. Restauro chiesetta del Redentore – importo di progetto: 400 mila euro

5. Riqualificazione degli spazi aperti e del tessuto connettivo del comparto Santa Chiara - importo di progetto: 1 milione e 200 mila euro.

6. Sviluppo di nuovi sistemi e soluzioni per la sicurezza urbana in ambito Smart city” - importo di progetto: 150 mila euro.

7. Attività di promozione e formazione sui temi della resilienza urbana e dei cambiamenti climatici - importo di progetto: 50 mila euro.

8. Realizzazione del piano attuativo di iniziativa privata su terreno di proprietà di Habitat spa - importo di progetto: 23 milioni di euro.

 

Attualmente il progetto di rigenerazione urbana è in fase di attuazione secondo il cronoprogramma approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri: il cantiere di restauro della chiesetta del Redentore è concluso, il cantiere di ristrutturazione dell’edificio ex sede degli uffici della Civica di Trento è in fase di ultimazione, i cantieri di restauro dell’edificio ex mensa Santa Chiara e di realizzazione del piano attuativo di iniziativa privata su terreno di proprietà di Habitat spa sono in corso. Infine gli interventi di riqualificazione degli spazi aperti e del tessuto connettivo del comparto Santa Chiara e di sviluppo di nuovi sistemi e soluzioni per la sicurezza urbana in ambito “smart cityinizieranno secondo la tempistica programmata.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 settembre - 06:01
Il rifugio Filzi sul Finonchio ha chiuso la scorsa settimana la stagione estiva ed ora proseguirà, tempo permettendo, le aperture nei weekend. I [...]
Cronaca
28 settembre - 08:14
Misure meno stringenti sia per il mondo della cultura che in quello dello sport. Fondamentale rimane avere il Green pass e massima attenzione anche [...]
Cronaca
28 settembre - 08:28
L'epicentro è nella provincia di Treviso e il sisma è stato avvertito anche nei territori vicini. Le prime due scosse sono state avvertiti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato