Contenuto sponsorizzato

VIDEO e FOTO. Galleria Adige - Garda, ci sarà la manovra di manutenzione: stop ad attività e navigazione per un raggio di 200 metri

È previsto anche il dragaggio del materiale fangoso accumulatosi nel bacino di ingresso a Mori, per evitare che possa creare intralcio all'operatività delle paratoie e confluisca nel lago durante il loro sollevamento

Pubblicato il - 01 March 2021 - 09:34

TRENTO. E' in programma questa settimana la manovra, svolta periodicamente, alla galleria Adige-Garda per la sua manutenzione.

 

Viene fatta annualmente dal Servizio Bacini montani della Provincia autonoma di Trento e l'obiettivo è quello di verificare che tutte le componenti degli organi di manovra che governano le paratoie all'imbocco del canale scolmatore siano funzionanti ed efficienti.

 

Il complesso delle attività si esaurisce nell'arco di circa due giornate e comprende anche le operazioni di verifica delle quattro paratoie, con un leggero sollevamento in modalità alternata che normalmente non supera le quattro ore complessive di scarico verso il lago. Durante il periodo di svolgimento sono vietate la navigazione e le attività in genere sul lago per un raggio di 200 metri dallo sbocco della galleria.

 

È previsto anche il dragaggio del materiale fangoso accumulatosi nel bacino di ingresso a Mori, per evitare che possa creare intralcio all'operatività delle paratoie e confluisca nel lago durante il loro sollevamento.

La galleria Adige-Garda è un'opera fondamentale per il controllo e la difesa idraulica della parte meridionale del Trentino e della città di Verona, (Qui l'apertura della galleria nel 2018) che consente di regolare la portata di piena del fiume Adige riversandone, se necessario, parte delle acque nel lago di Garda. 


(QUI LA STORIA DELLA GALLERIA)

 

L'opera ha origini molto lontane, addirittura risalenti al XVIII° secolo e, quando si cominciò a scavare la galleria (era il 1939) si mise in pratica il progetto di Vincenzo Maria Coronelli, un frate minore veneziano, morto nel 1718. Il perché si cominciò seriamente a pensare a realizzare la galleria negli anni '20 è presto detto. Il Trentino Alto Adige era diventato Italia e quindi il problema Adige, ora, poteva essere affrontato collettivamente.


L'opera, tra l'altro, verrà terminata nel 1959 e i lavori, durante la guerra saranno interrotti perché a partire dal '44 nel tunnel verranno costruite dalle industrie aeronautiche Caproni attrezzature e armi per il Terzo Reich (alcune delle ''armi segrete di Hitler come gli aeroplani da caccia Messerschmitt 163 e 262, o la bomba volante V1 e il razzo V2). La gran parte dell'opera verrà completata durante la Repubblica Italiana, dunque, e l'idea risale addirittura al 1712. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 aprile - 17:16
Il drammatico incidente è avvenuto alla galleria Doss Trento a Piedicastello. A bordo della moto due fratelli: muore un 26enne, ferito un 23enne
Cronaca
22 aprile - 16:51
A Verona una studentessa di 20 anni ha denunciato cinque calciatori professionisti per una violenza di gruppo. La vicenda sarebbe avvenuta [...]
Ambiente
22 aprile - 13:21
Anche quest'anno non è mancato l'appuntamento di Apot per fare il punto sui risultati perseguiti dai frutticoltori trentini, e per presentare gli [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato