Contenuto sponsorizzato

Trasporto pubblico, autobus gratis per i profughi ucraini a Belluno: “Misura di umanità e fondamentale per la gestione dell'emergenza”

Nei prossimi mesi, le persone sfollate dall’Ucraina avranno la possibilità di salire sui mezzi che effettuano servizio locale extraurbano e interregionale di competenza della Provincia ed esercitato da Dolomitibus, Sbizzera, e Arriva Udine spa

 

Di F.S. - 04 maggio 2022 - 12:59

BELLUNO. “Una misura di umanità, per persone che hanno dovuto abbandonare il loro Paese in conseguenza della guerra. Ma anche una misura utile per la gestione dell'emergenza”. Commenta così Dario Scopel, consigliere provinciale delegato al trasporto pubblico, la misura varata, grazie ad una donazione del Fondo Welfare e al contributo di Dolomitibus, che permetterà ai profughi ucraini ospitati nel Bellunese di usufruire gratuitamente del servizio di trasporto pubblico.

 

Nei prossimi mesi infatti, fa sapere la Provincia, le persone sfollate dall'Ucraina avranno la possibilità di salire sui mezzi che effettuano servizio locale extraurbano e interregionale di competenza della Provincia ed esercitato da Dolomitibus, Sbizzera e Arriva Udine spa.

 

“I profughi ucraini attualmente ospitati in provincia – dice Scopel – hanno una rete di conoscenze e parentela indispensabile per l’inserimento nelle nostre comunità, per la lingua e per altri aspetti molto pratici. Solo che spesso queste conoscenze risiedono in località distanti tra loro; del resto - lo sappiamo - il nostro territorio è molto vasto e frastagliato. Per agevolare gli spostamenti, quindi, abbiamo pensato che il modo migliore sia quello di utilizzare il servizio di trasporto pubblico e ringraziamo chi ha collaborato per rendere possibile questa soluzione”.

 

In particolare, dice l'Amministrazione provinciale, le spese saranno coperte da una donazione di 2mila euro del Fondo Welfare e da uno stanziamento di 3mila euro da parte di Dolomitibus. Il cosiddetto “Fondo tpl emergenza Ucraina” sarà eventualmente adeguato in relazione all’andamento della spesa che verrà rendicontata dalle aziende di trasporto.

 

Dal punto di vista operativo, i profughi ucraini potranno utilizzare gratuitamente tutti i titoli di viaggio previsti dall’attuale sistema tariffario (sono esclusi gli abbonamenti per lavoratori, la Guest card e i biglietti per linea mare, linea Misurina-Tre Cime, servizi di intensificazione invernale (Ski bus), bike and bus, treno-bus). I soggetti beneficiari dell’agevolazione per la emissione di biglietti esibiscono alla ditta di trasporto il permesso di soggiorno per protezione temporanea, mentre per gli abbonamenti presentano alla ditta di trasporto specifica dichiarazione. I titoli di viaggio agevolati, oltre alle consuete informazioni, riporteranno la dicitura “Emergenza Ucraina”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato