Contenuto sponsorizzato

Femminicidio di Silandro, la Procura chiede il processo per Omer Cim. Le accuse all'ex compagno di Celine Frei Matzhol

La Procura ha comunicato di aver concluso le indagini sul terribile femminicidio di Celine Frei Matzhol, morta a soli 21 anni. Le accuse all'ex compagno Omer Cim

Pubblicato il - 23 aprile 2024 - 16:28

BOLZANO. L'accusa è di omicidio aggravato dalla relazione sentimentale con la vittima e di premeditazione. Contestata anche la resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, oltre alle percosse e minacce nei confronti di Celine Matzhol. Sono queste le conclusioni della Procura a chiusura delle indagini che riguardano Omer Cim, l'ex compagno è stato fin da subito il principale indiziato per il femminicidio a Silandro, ritenuto responsabile della morte della 21enne.  

 

Il delitto era avvenuto nell'agosto dell'anno scorso, un tremendo femminicidio che aveva particolarmente scosso la comunità per la morte violenta di Celine Frei Matzohl, una vita spezzata a soli 21 anni dall'ex compagno. "Che ricordi negli ultimi 50 anni a Silandro non c'è mai stato un omicidio: siamo tutti sotto shock ed il nostro cordoglio va ai familiari della vittima”, le parole a Il Dolomiti del sindaco Dieter Pinggera in quei giorni di lutto.

 

Il corpo senza vita della 21enne era stato trovato in casa di Omer Cim. Assassinata a coltellate. L'allarme era stato dato dalla madre che non aveva più avuto notizie della ragazza e non l'aveva vista rincasare: in poco tempo i carabinieri avevano rinvenuto il cadavere mentre non si riusciva a rintracciare l'ex compagno di origini turche.

 

Non reperibile nei minuti successivi all'evento, l'operazione di ricerca delle forze dell'ordine era stata particolarmente vasta e capillare, anche con il decollo dell'elicottero della guardia di finanza per cercare di localizzarlo dall'alto. La fuga in auto di Cim si era fermata tra Curon Venosta e passo Resia, probabilmente intenzionato a superare il confine di Stato e diretto verso l'Austria.

 

L'ex compagno era stato bloccato dopo un inseguimento in auto al termine del quale Cim era uscito di strada. Dopo i controlli in ospedale, il presunto assassino era stato portato in carcere.

 

Nei giorni successivi era emerso che nel mese di giugno Frei Matzohl aveva presentato una querela nei confronti di Cim. La giovane aveva riferito di un unico episodio avvenuto mentre si trovava con il compagno in un’autovettura, durante il quale il 28enne l’avrebbe percossa e minacciata. Le forze dell'ordine avevano spiegato di aver "Attivato il 'codice rosso' ma non è stato possibile chiedere misure cautelari".

 

Ora la Procura comunica di aver terminato le indagini: Omer Cim è accusato del delitto di omicidio aggravato dal fatto di avere avuto una relazione sentimentale con la vittima e di premeditazione.

 

Le contestazioni riguardano anche la resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, "poiché - si legge nella nota - subito dopo l’omicidio, a bordo di un’autovettura disobbediva all’intimazione di fermarsi da parte di un carabiniere, dirigendosi a forte velocità verso di lui e costringendolo a spostarsi per non essere investito, cagionandogli con tali modalità una lesione alla mano" e il delitto di percosse e minacce aggravate nei confronti della stessa Celine Matzohl per un fatto avvenuto nel giugno del 2023". E' stato rinviato a giudizio.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 maggio - 16:26
Sistemato in una cella singola, per due giorni resterà a Roma, mentre ad inizio settimana sarà trasferito in Veneto. In un primo momento si era [...]
Cronaca
18 maggio - 17:20
E' successo nelle scorse ore nel Bellunese, fortunatamente non ci sono state persone coinvolte. Sul posto è intervenuta la squadra dei vigili [...]
Politica
18 maggio - 15:56
Le consigliere e i consiglieri di maggioranza del Consiglio Comunale di Trento, sul tema della sicurezza in città, "respingono al mittente le [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato