Contenuto sponsorizzato

Auto esce di strada e si ribalta. I passeggeri si mettono in salvo uscendo dal bagagliaio

L'incidente è avvenuto dopo uno scontro con un'altra auto all'altezza del distributore Esso tra Taio e Dermulo lungo la statale 43. I ragazzi sono stati portati all'Ospedale di Cles 

Pubblicato il - 23 August 2017 - 10:45

DERMULO. Sempre la Statale 43, ancora una volta nei pressi del distributore Esso tra Taio e Dermulo. A fine febbraio si era verificato un terribile scontro mortale tra un tir e due auto all'altezza della centrale elettrica. A metà giugno poche centinaia di metri prima in direzione Trento, quasi all'imbocco della galleria che lungo la statale 43 porta proprio a Taio a perdere la vita era stato un centauro. Questa volta, fortunatamente, non ci sono state vittime e i passeggeri dell'auto che s'è ribaltata uscendo di strada dopo essersi scontrata con un altro veicolo, sono tutti usciti autonomamente dal mezzo.

 

L'incidente è avvenuto poco prima delle 22.30, come detto tra Taio e Dermulo. Coinvolte due auto. Una ha riportato solo una botta con perdita di una ruota, l'altra, dopo lo scontro laterale ha perso il controllo, è finita fuori strada finendo sullo sterrato per poi alzarsi su un dosso in erba e ridiscendere per fermarsi sul fianco sinistro. 

 

Immediatamente sono stati chiamati sul posto i vigili del fuoco di Taio e i carabinieri di Cles oltre a un'ambulanza. Protagonisti dell'incidente dei giovani, due ragazze (una di 20 anni e una di 34) e un ragazzo (di 21 anni). Per quanto riguarda i vigili del fuoco non è stato necessario l'intervento con le pinze idrauliche perché i passeggeri dell'auto ribaltata sono riusciti a uscire dal bagagliaio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

25 February - 17:05

Ha aperto solo da due mesi ma la Silvia Biasioli Pâtisserie ha già conquistato il cuore di tantissimi amanti dei dolci. La proprietaria, da cui il nome del negozio, è una trentina di 33 anni che ha scelto di mettere da parte la laurea in ingegneria per seguire la sua passione. "In un attimo si è sparsa la voce e ho avuto la fila fuori dal negozio. A Natale ho sfornato 900 panettoni"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato