Contenuto sponsorizzato

Carcere Trento, detenuto si barrica in infermeria e incendia un materasso. Feriti due agenti

L'uomo è stato immobilizzato. La denuncia dell'Osapp: "La Casa Circondariale di Trento da Istituto penitenziario modello voluto e pagato dalla Provincia Autonoma di Trento si è trasformato nel peggiore ricettacolo di ogni peggiore emergenza penitenziaria nazionale"

Pubblicato il - 10 July 2017 - 22:48

TRENTO. Sono due le persone, un assistente e un ispettore, che ieri sono state ferite presso il casa circondariale a Spini di Gardolo da un detenuto che dopo essersi barricato in infermeria ha cercato di incendiare un materasso . L’episodio è stato denunciato dal Segretario Generale dell'OSAPP (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) Leo Beneduci.

 

Il tutto sarebbe accaduto verso le dieci di ieri mattina, all’interno di una cella presso la locale infermeria dell’istituto Trentino, dove sono ristretti i detenuti “comuni”. Un italiano di giovane età ha, come già detto,  dapprima tentato di barricarsi in cella utilizzando un materasso in dotazione e altri oggetti per poi tentare di appiccare il fuoco.  Il detenuto era in possesso di una bomboletta di gas e un accendino. L’uomo minacciava chiunque  avvicinasse.

 

Nel momento in cui ha però iniziato a incendiare il materasso l’intervento si è reso necessario. A fermare il detenuto sono stati un assistente e un ispettore che, però, nell’immobilizzare l’uomo, sono stati feriti. L’Assistente è stato violentemente colpito alla tempia proprio dalla bomboletta del gas, che gli ha provocato una ferita saturata all’ospedale Santa Chiara. L’Ispettore  stato invece  costretto a ricorrere alle cure del Pronto Soccorso per una distorsione al polso e alle dita della mano sinistra.

 

Il segretario generale dell’Osapp  ha sottolineato come la Casa Circondariale di Trento si sia differenziata negli ultimi mesi dagli altri istituti “in termini di disagi, disfunzioni e abusi soprattutto per quanto attiene alla gestione del locale personale di Polizia Penitenziaria che non appare godere da tempo di un'equa distribuzione dei carichi di lavoro e di trasparenza dell'assegnazione dei posti di servizio”.  Come Organizzazione Sindacale, viene precisato in una nota,  “tali situazioni sono state oggetto di specifiche segnalazioni al Provveditore Regionale ed in particolare al Capo del Personale Pietro Buffa, che li ha bellamente ignorate; se adesso a tali condizioni di disagio si devono aggiungere anche rischi e disfunzioni legati alla locale popolazione detenuta ciò significa che la Casa Circondariale di Trento da Istituto penitenziario modello voluto e pagato dalla Provincia Autonoma di Trento si è trasformato nel peggiore ricettacolo di ogni peggiore emergenza penitenziaria nazionale con rischi che trascendono la mera condizione interna al carcere per investire la comunità Trentina”.

 

“E' ovvio - conclude il segretario dell'OSAPP - che oltre all'avvicendamento del Capo del personale del DAP, dimostratosi tutt'altro che attento, occorra considerare l'integrale rivisitazione delle modalità di funzionamento dell'attuale sistema penitenziario nazionale previa e come lungamente da noi richiesto l'istituzione di una apposita commissione parlamentare di inchiesta”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
24 giugno - 20:07
La Pat ha presentato un piano contro la diffusione del bostrico: l'individuazione precoce degli alberi infestati e il loro immediato abbattimento [...]
Cronaca
24 giugno - 21:27
Il fienile, dove si trovava una famiglia, è stato colpito da un fulmine. Stando alle prime informazioni una bambina di 11 anni sarebbe stata [...]
Cronaca
24 giugno - 17:47
L'assessore Tonina in Terza Commissione: "O si riuscirà a trovare una condivisione trasversale sulla costruzione di un impianto gassificatore, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato