Contenuto sponsorizzato

Deteneva illegalmente tre baionette e tre pistole e circa mille munizioni arrestato

L'uomo nella notte avrebbe sparato alla vettura del vicino: il proprietario, notando il foro sulla macchina, si è quindi recato ai carabinieri di Levico. Le indagini hanno portato all'arresto dell'autore del gesto 

Pubblicato il - 18 luglio 2017 - 20:52

BORGO VALSUGANA. Deteneva illegalmente baionette, armi da fuoco, oltre naturalmente alle relative munizioni: un uomo è stato arrestato dai carabinieri di Borgo Valsugana.

 

Tutto è iniziato nel pomeriggio di sabato, quando un cittadino si è presentato dai carabinieri di Levico Terme per mostrare un foro sulla carrozzeria della propria vettura, presumibilmente praticato nel corso della notte precedente.

 

Le forze dell'ordine hanno subito effettuato un'ispezione, accertando che si trattava del foro di un proiettile e rinvenendo inoltre un'ogiva sul sedile. 

 

Le indagini si sono immediatamente indirizzate verso i legami di conoscenza dell'uomo e i militari hanno cercato di capire se nel passato avesse avuto episodi problematici oppure se avesse subito qualche minaccia.

 

I carabinieri hanno quindi ristretto il campo e sono risaliti al 43enne italiano, pregiudicato in materia di stupefacenti. Individuato nella sua abitazione, i militari hanno eseguito una perquisizione personale e domiciliare: il risultato sono tre pistole, varie baionette da guerra e un migliaio di munizioni. Il tutto illegalmente e senza aver fatto le opportune denunce di possesso.

 

Le armi sono state sequestrate e la persona tratta in arresto.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato