Contenuto sponsorizzato

Due nuove nomine negli ospedali di Cavalese e Borgo Valsugana

Il direttore Paolo Bordon ha nominato la nuova direttrice dell’unità operativa di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Cavalese e la nuova direttrice dell'unità operativa di anestesia  dell'ospedale San  Lorenzo di Borgo Valsugana

Claudia Vergot e Fabrizia Tenaglia
Pubblicato il - 16 agosto 2017 - 18:06

TRENTO. Fabrizia Tenaglia è la nuova direttrice dell’unità operativa di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Cavalese mentre Claudia Vergot  sarà la nuova direttrice dell'unità operativa di anestesia  dell'ospedale San  Lorenzo di Borgo Valsugana. Questi due ulteriori importanti tasselli nel puzzle del sistema sanitario provinciale .

 

Per Cavalese è un ulteriore passo avanti nella definizione della dotazione dei professionisti dell’area materno infantile, volto al rispetto degli standard di qualità e sicurezza previsti dalle indicazioni ministeriali per i punti nascita.

 

Tenaglia, nominata dal direttore generale dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari Paolo Bordon, è stata scelta in virtù del curriculum professionale e formativo e dell’esito del colloquio selettivo volto alla valutazione alle capacità gestionali, organizzative e di direzione. L’incarico avrà durata quinquennale.

 

Nata a Trento il 9 luglio 1954, Fabrizia Tenaglia, si è laureata in medicina e chirurgia all’Università degli studi di Padova nel 1979 dove nel 1983 ha conseguito la specializzazione in ostetricia e ginecologia. Ha svolto per circa trent’anni attività professionale nella disciplina di ostetricia e ginecologia lavorando per più di tredici anni all’ospedale San Camillo di Trento e per circa quattordici anni all’ospedale Santa Chiara di Trento. Da metà febbraio 2015 ricoprire l’incarico di direttrice facente funzioni dell’ostetricia e ginecologia all’ospedale di Cavalese.

 

La dottoressa Tenaglia è stata inoltre titolare dell’incarico di alta professionalità «Gestione della gravidanza a rischio» e della struttura semplice «Sala parto» dell’ospedale Santa Chiara di Trento. La professionista vanta una valida produzione scientifica che spazia da argomenti ginecologici ad argomenti ostetrici su riviste internazionali e nazionali.

 

La nuova direttrice dell'unità operativa di anestesia  dell'ospedale San  Lorenzo di Borgo Valsugana è invece Claudia Vergot. L’incarico, che avrà durata quinquennale a partire dal 1° settembre. La direttrice, specialista in anestesia e rianimazione, è stata scelta per le sue competenze tecnico professionali maturate in diversi ambiti.

 

è nata a Levico il 10 gennaio 1969. Si è laureata in medicina e chirurgia all’Università degli studi di Milano nel 1996 e nel 2001 si è specializzata in anestesia e rianimazione all’Università degli Studi di Verona. Ha svolto per circa sedici anni attività professionale nella disciplina di anestesia e rianimazione lavorando dapprima all’Azienda ospedaliera di Desenzano del Garda, successivamente all’ospedale di Cavalese e da maggio 2004 all’ospedale Santa Chiara di Trento. Dal 2004 la professionista è anche medico rianimatore dell’elisoccorso.

 

La dottoressa Vergot è stata titolare degli incarichi di alta professionalità «Riflessoterapia e altra terapia antalgica» e «Tecniche di monitoraggio emodinamico» dell’ospedale Santa Chiara di Trento. La professionista ha conseguito nel 2006 il diploma quadriennale in agopuntura, riflessoterapia e tecniche complementari di terapia antalgica e nel 2015 ha conseguito il diploma europeo di trattamento del paziente critico con circolazione extracorporea (ECMO) all’Hôpital Universitaire Pitié Salpêtrière di Parigi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 14:56

L'incidente è avvenuto questa mattina poco prima di mezzogiorno. Le operazioni di soccorso sono durate più di due ore quando i due sono stati recuperati

27 settembre - 14:11
L'incidenza sul territorio provinciale si attesta a 36,85, mentre Bolzano è a 32,33 e la media italiana a 15,42. Più del doppio e un'altra Regione cerchiata in rosso è la Liguria che segna un 34,48 e in queste ore è stata inserita dalla Svizzera come "zona rossa". Un'incidenza per il Trentino alta anche nell'analisi degli ultimi 14 giorni
27 settembre - 13:36

L'amministrazione informa inoltre che l’istituto scolastico ha adottato tutte le procedure previste e ha seguito le indicazioni del protocollo stabilite in accordo con l’Azienda sanitaria per garantire la tutela della salute degli studenti e del personale scolastico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato