Contenuto sponsorizzato

Esce di strada e sbatte contro un albero, 44enne muore bruciata nell'auto

La donna, originaria di Rovereto, lavorava all'università di Bologna come ricercatrice. L'incidente lunedì sera ad Imola

Foto: Isolapress - Imola
Pubblicato il - 23 agosto 2017 - 09:01

IMOLA. Terribile incidente ad Imola lunedì sera dove è stata coinvolta una donna originaria di Rovereto che è morta bruciata nell'auto.

La donna, Maria Josè Esposito, del 1972, ricercatrice dell'Università di Bologna, era nata a Rovereto al Santa Maria del Carmine e da qualche tempo era domiciliata a Imola.

 

Al volante della sua Fiat Panda nera  stava percorrendo la provinciale con senso di marcia Castel del Rio-Imola. Per cause ancora al vaglio della Polizia municipale di Imola, la donna avrebbe perso il controllo del veicolo poco prima di imboccare una curva a sinistra e sarebbe finita successivamente contro un albero.

 

L'impatto è stato violentissimo e in pochi secondi è scoppiato l’incendio che ha avvolto l’auto.

 

Secondo quanto riporta Il Resto del Carlino, dopo l’urto, Maria Josè era ancora cosciente e sembra che abbia cercato di uscire dalla Panda.In pochi attimi, però, l'auto si è trasformata in una trappola di fumo e fuoco. Inutile, purtroppo, il disperato tentativo dei soccorsi di salvare la donna.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 11:41

I tamponi analizzati sono 1530. I pazienti covid19 ricoverati in ospedale sono 16 e a questi si aggiunge una persona che si trova in terapia intensiva 

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 11:26

Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco, il soccorso alpino e i sanitari. E' successo sul sentiero del “Tracciolino”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato